Vacanze di Natale e bambini: alcune regole per gestire il tutto al meglio

bimbinataleLunghi pranzi, serate in compagnia di parenti e valanghe di regali sono alcuni degli ingredienti che animano le feste di Natale. Se per noi adulti questi giorni sono momenti sì di gioia, ma anche di scombussolamento delle nostre abitudini, figuriamoci per i bambini.

Le domande più frequenti per una mamma sono come gestire i bambini durante le feste? Dovrò far rispettare le regole o essere più flessibile? Se anche tu ti sei posta questi interrogativi, qui troverai alcuni spunti per vivere con serenità le prossime feste di Natale insieme ai tuoi figli.

Neonati e toddler, rispettare le loro abitudini

Se in famiglia c’è un ultimo arrivato di pochi mesi o un bambino abbastanza piccolo (fino a due o tre anni), la parola d’ordine è cercare di non alterare le sue abitudini e i suoi orari. Ciò non significa che dovrai vivere le feste chiusa in casa e seguire pedissequamente la solita routine quotidiana, ma basterà avere un occhio di riguardo per le sue esigenze perché questi giorni trascorrano serenamente.

Cerca, cioè, di

  • non stravolgere gli orari della pappa e della nanna: i bambini hanno orari abbastanza abitudinari per mangiare e per dormire. Non rispettarli può rivelarsi dannoso per te e per lui che vivrà con malessere la festa, piangendo o facendo i capricci perché è stanco. Spiega ad amici e parenti le vostre abitudini e cercate di trovare un accordo sull’orario del pranzo di Natale.  Se il bambino è già svezzato, è meglio dargli da mangiare prima del pranzo, in modo che sia libero di sedersi a tavola e spiluccare ancora qualcosa, oppure di schiacciare un sonnellino quando proprio non ce la farà più. Se non vuoi rinunciare ad attendere la mezzanotte il 24 e il 31 dicembre, perché non organizzi una serata abbastanza tranquilla a casa, con alcuni amici, per non stravolgere le sue abitudini pur passando la serata in compagnia?
  • evita le resse e le folle: Natale vuol dire anche acquistare doni e regali, visitare mostre di presepi o fare quattro passi fra i mercatini di Natale. Puoi certamente fare tutte queste cose anche con il bambino, ma l’importante è cercare di evitare i giorni di maggior affluenza e gli orari di punta, come i festivi nel primo pomeriggio, dove il gran numero di persone (e la relativa confusione) potrebbe irritare il bambino;
  • non inondare il bambino di regali: sicuramente, fra zii e nonni, amici e conoscenti, il bambino riceverà moltissimi doni. Aprirli e darglieli in gioco tutti insieme non è certamente costruttivo: il bimbo non saprà a quale giocattolo dare la preferenza e alla fine si stancherà presto di ciascuno. Per questo, è bene proporre un gioco alla volta e dopo un po’ di tempo introdurne uno nuovo (ad esempio, una settimana dopo). In tempi successivi, è bene alternare un gioco vecchio a uno nuovo per mantenere viva la sua attenzione.

Bambini più grandicelli

Con i più grandini e grandicelli, Natale può essere l’occasione buona per cambiare la solita routine e vivere dei momenti di relax insieme,  per le prossime feste puoi:

  • fare uno strappo alla regola: in questi giorni di festa è possibile fare una piccola deroga alle  rigide regole di sempre, come andare a letto presto. Puoi concedere di stare in piedi fino a tardi a vedere un bel film tutti insieme oppure di mangiare una pizza due volte la settimana, pur di dedicare più tempo al gioco con lui: queste piccole deviazioni gli faranno sicuramente bene;
  • sfruttare il tempo insieme: le giornate di vacanza possono essere l’occasione buona per fare qualcosa di interessante insieme. Andare a un museo e partecipare a qualche laboratorio educativo, fare una breve escursione in una città vicina da raggiungere in treno o in autobus sono alcune esperienze diverse dal solito che gli rimarranno impresse nella mente;
  • giocare, giocare, giocare: nei giorni più piovosi o nevosi, sarà difficile uscire, e ne potrai approfittare per passare interi pomeriggi a giocare con il tuo bambino o per leggere un bel libro con lui. Quando avrai molto da fare e non potrai giocare con lui, invita qualche amichetto a casa: insieme si divertiranno molto con i nuovi balocchi di Natale!
  • giornate di festa, tolleranza e amichetti: nelle feste comandate, molto probabilmente sarete invitati a casa di parenti. Nei lunghi pranzi, cerca di chiudere un occhio, se il bambino non rispetterà tutte le regole (ad esempio, si alza dal tavolo o non mangia tutto). Dopo un po’ si annoierà di ascoltare i discorsi dei grandi: se non ci sono cuginetti al pranzo, puoi rendere meno noiosa la giornata, organizzando un incontro pomeridiano con qualche amichetto. Per  fargli vivere con maggiore serenità le feste, concorda con il bambino questo patto: un pranzo veloce e poi tutti al cinema con il suo amico del cuore!
  • sì a una notte fuori casa: se il bambino è pronto e vorrebbe da tempo andare a dormire fuori casa, dall’amico del cuore o a casa dei nonni, le prossime feste potrebbero essere l’occasione ideale. I giorni di festa gli permetteranno di mettersi in pari con il sonno perduto e per smaltire l’emozione;
  • regali, non tutti insieme: con i più grandi sarà difficile nascondere a loro insaputa i regali, ma puoi sicuramente concordare con loro un piano per giocare con un dono nuovo alla volta, alternando i giochi nuovi a quelli vecchi. In questo modo il bambino non sarà distratto dai tanti regali e ogni settimana avrà la meraviglia dei balocchi nuovi;
  • donare i giocattoli che non usa: lo spazio scarseggia e ci sono troppi giochi in questa casa? Bene, approfittane per insegnare il valore del dono e della solidarietà al tuo bambino: scegliete insieme i giocattoli che non usa più e donateli a cuginetti più piccoli o associazioni di beneficenza;
  • compiti, un po’ al giorno: se va a scuola sicuramente avrà un po’ di compiti da svolgere per le vacanze di Natale. Organizza sin da prima delle vacanze un piano per spalmare i compiti in maniera equa sui giorni che verranno, in modo da non avere un eccesso di compiti all’inizio o alla fine delle feste e avere anche tu più tempo per seguirlo negli studi e aiutarlo a recuperare eventuali lacune.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto