Riflessioni semiserie di una madre in attesa di vacanze

divanoCasa dolce casa: pur piccola che tua sia, sei sempre mia! Questo poteva essere il titolo del mio post di oggi. Sì, perché si dà il caso che ierisera sia tornata a casa da Varallo Sesia con un figlio solo: Francesco. L’altro l’ho lasciato ai nonni. Dovevo fare una commissione e così sono venuta a casa ma solo per pochi giorni. Quest’anno potrei dire che le mie vacanze siano già finite ma in realtà, quelle vere, inizieranno solo il 19 agosto. Ci siamo concessi una settimana in Liguria ad inizio luglio e poi una ventina di giorni da mio padre, nella casa dispersa tra i monti della Valsesia. Detto così uno potrebbe pensare: ottimo! Beata! Io però così non mi sento… Perché? Se devo essere sincera, la vera vacanza per una madre normale non è tanto il dove vai ma con chi vai. Mi spiego.

Se vado al mare ma non riesco a prendere il sole o fare un tuffo in santa pace perché due monelli si picchiano, giocano a pallone dove non potrebbero, ti chiamano continuamente perché devono andare in bagno o devono bere o hanno fame o vogliono fare una passeggiata… la mia vacanza dov’é?

Se vado da mio padre e il tempo è quanto mai brutto e i due rompini continuano a dirmi: cosa si fa oggi mamma? Andiamo in piscina, andiamo al mercato, andiamo a fare una passeggiata anche sotto l’acqua, andiamo a giocare a ping pong, andiamo a fare una capanna, andiamo a fare i compiti: NOOOOOOOOO, quelli ovviamente no! E poi io devo cucinare, pulire, fare la spesa, lavare le due pesti, mettere a posto la casa quando una vocina dolce di bimbetto angelico mi dice: certo mamma, devi mettere a posto tu perché sei tu la nostra cameriera…. GRRRRR! Ma io quando vado in vacanza?

Vedo alcune mie amiche che su FB mettono località allettanti: Nizza, Sardegna, Sicilia, Baleari, Stati Uniti… ok, ma con figli preferisco casa mia! Almeno non devo far valigie, ho la lavastoviglie, le mie comodità quotidiane come i centri commerciali a portata di piedi, qualche amichetto sparuto con cui far giocare le piccole pesti, i giochi elettronici, la TV con i loro canali preferiti, qualche centro estivo. Cosa si pretende di più?

Incontro una mamma che mi dice: sono in vacanza, o meglio sto lavorando ma i bimbi sono tutti al mare e io nella pausa pranzo vado a fare shopping. Meglio delle Maldive, credetemi!

Ora sono qui sul mio divano, aria condizionata accesa, sola, sola, SOLA! Posso scrivere, leggere, dormire, fare quello che voglio… anche niente! Unica penitenza è la spesa perché il frigo è vuoto e purtroppo tra poche ore questo idillio finirà… e se non c’è qualcosa da mangiare sono guai.

Quindi, la mia casa è il posto più bello che possa esserci al mondo ma ad una condizione: quando è senza figli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto