Pasqua e Pasquetta con i bambini: 5 idee e tanti consigli

Pasqua1Mancano ormai poche settimane a Pasqua e la voglia di evadere e passare una bella giornata di festa con i nostri bambini si fa sempre più forte. Ma, come spesso accade alle mamme, accanto a tutto questo entusiasmo spesso si celano dubbi e timori: “dove possiamo andare a Pasqua e Pasquetta?”, “cosa possiamo preparare?” sono solo due dei quesiti più frequenti che tutte prima o poi ci siamo poste.

A dispetto di quanto possiamo immaginarci, spesso basta davvero poco per far felici i nostri bambini: provare per credere.

Vediamo 5 idee per Pasqua e Pasquetta

1. Picnic e giochi all’aperto

Una coperta e un bel cestino con dentro tante succose leccornie sanno rendere magica anche una giornata fuori dalla porta. In questi giorni di festa, infatti, strade e autostrade sono spesso stra colme di auto e l’incubo di trascorrere diverse ore in coda non allieta nessuno.

Dunque, possiamo organizzare una piccola scampagnata a pochi passi da casa nostra: basta trovare un giardino pubblico e il gioco è fatto.

Qualche giorno prima organizziamo il necessario per trascorrere alcune ore in armonia: un po’ di ottimo cibo da mangiare (dai panini alle paste sfoglie, dal riso in insalata ai dolci), una coperta dove stendersi e diversi giochi. Se il pallone mette sempre d’accordo tutti, non sottovalutiamo i classici giochi che non richiedono nulla se non tanto spazio all’aperto, come nascondino, strega comanda color, un due tre stella….

2. Tutti alla fattoria didattica

Per chi di noi vive in città, sa bene quanto possa sembrare lontana la vita di campagna, con i suoi ritmi ben differenti, ma così salutari. Pasqua e Pasquetta possono rivelarsi due occasioni d’oro per far riscoprire a noi adulti questa realtà e per far conoscere un nuovo mondo ai nostri piccoli. Le fattorie didattiche che si impegnano a far avvicinare i bambini alla natura e ai suoi ritmi con attività interessanti e su misura per loro stanno spuntando qua e la un po’ ovunque: una bella occasione per insegnare loro da dove arriva il latte, per far visionare mucche e caprette dal vivo e per imparare come si fa la marmellata. Nei loro occhi pieni di entusiasmo e nei loro racconti ricchi di “lo sapevi che…” assaporeremo insieme a loro la magia della vita…

3. Città d’arte, anche a misura di bambini

Pasqua e Pasquetta possono essere anche l’occasione per prendere e partire alla scoperta di città piene di storia e arte. Detta così non sembra propriamente un’attività per famiglie, eppure sono sempre di più le città d’arte che si reinventano su misura per i bambini.

I musei propongono laboratori didattici e spesso nel cuore del centro cittadino ci sono parchi con giostre e altalene per far scorazzare i piccoli.

Oltre alle classiche città d’arte famose in tutto il mondo, come Roma, Firenze o Venezia, ci lasceranno di stucco anche località minori, ma non meno pieno di fascino. In fin dei conti siamo o non siamo in uno dei Paesi più ricchi dal punto di vista del patrimonio artistico?

4. Parchi divertimento

Il nome dice già tutto e la loro fama è ben nota a noi tutti: dal celeberrimo Gardaland a quelli più piccoli, ma non per questo meno interessanti, non mancano siti dove portare i bambini su ottovolanti e trenini.

Il punto di forza di queste strutture è sicuramente la ricca proposta di attrazioni che, dai piccolissimi agli adulti, non scontenta nessuno.

5. Gita in montagna

Non occorre essere provetti scalatori per assaporare le emozioni che solo la montagna sa darci: di sentieri molto semplici e di vie ciclabili facilmente percorribili anche con il passeggino non manca di certo la scelta. Basta, insomma, armarsi e partire: se con il passeggino possiamo osare qualche kilometro in più, con i più grandicelli meglio dosare il percorso per non dover fare il tragitto di ritorno fra i soliti “sono stanco” e “non ce la faccio più” che sanno rovinare qualsiasi esperienza.

Un’alternativa per i più grandi è organizzare un giro in mountain bike: anche qui ci verranno in soccorso le piste ciclabili in cui in tutta sicurezza si può girare e divertirsi senza il pericolo di auto e moto che sfrecciano a pochi cm dai bambini ancora un po’ instabili sulle biciclette.

Qualche consiglio

Oltre al dove andare, non dimentichiamoci di dare sempre un’occhiata anche all’organizzazione della gita.

– Quando partire

Molto dipende dall’età dei bambini e dalla destinazione: se dalla meta ci dividono svariati chilometri, prima si parte meglio è. Tuttavia, se la meta è vicina e abbiamo bambini piccoli con orari di poppate e pappette da rispettare, il mio consiglio è muoversi dopo averli fatti mangiare: in questo modo non dovrete portare in giro omogenizzati e pastine e, magari, il pupo si addormenta strada facendo.

Se il viaggio fosse troppo lungo, non dimentichiamo di organizzare soste intermedie in cui fermarci a mangiare un piccolo snack e fare due passi per sgranchirci le gambe.

– Cosa portare

Oltre al kit di “sopravvivenza” come cibarie e bevande, non scordiamoci di portare un cappellino e gli occhiali da sole per il bambino. E anche la crema solare!

Le mamme dei più piccoli non hanno bisogno di ricordarsi di mettere in borsa anche un cambio, mentre quelle dei più grandicelli spesso se ne dimenticano.

E invece un gelato sulla maglietta o un piede nella pozzanghera sono imprevisti sempre dietro l’angolo: come si dice in questi casi, prevenire è meglio che curare…

– Come vestirsi

Semplicemente “a cipolla” o, se preferite, a strati: non si sa mai quanto caldo o quanto freddo farà, perciò per evitare che di patire l’uno o l’altro l’ideale è vestirsi in modo da regolarsi facilmente in base a quello che ci troveremo di fronte.

– Diversivi per il viaggio

Se il viaggio è lunghetto, non dimenticate di organizzare dei giochetti da fare in auto per tener quieti i bambini. Da chi vede prima un albero con le foglie rosse a chi conta più auto di colore verde di cose da fare senza portarsi dietro la casa ce ne sono a migliaia. Basta ricordarsele e non farsi prendere dall’ansia del “mi annoio” o ” quanto manca” .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto