Idee pasquali, organizzare una caccia alle uova

Ogni periodo dell’anno ha le sue tradizioni: l’attesa del Natale diviene meno pesante se ci sono le caselle del calendario dell’Avvento a scandire il tempo che passa, mentre non è Carnevale se non ci sono coriandoli e stelle filanti a colorare l’ambiente. Anche la Pasqua ha le sue usanze: da noi, impossibile non pensare alle uova (sia quelle al cioccolato che quelle sode, tutte colorate, da consumare nei giorni di festa) e alla consueta gita fuori porta, con tanto di picnic. Invece, nei paesi del Nord Europa, Pasqua fa rima anche con la caccia alle uova, una simpatica istituzione a cui nessun bambino – una volta che l’ha provata – rinuncerebbe. Scommettiamo che sarà così anche per i nostri bambini? Per sapere se sarà davvero così, non ci resta che organizzarne una, seguendo alcune semplici dritte e idee pasquali per una caccia alle uova, divertente e stimolante non solo per i piccoli, ma anche per i grandi.

Ecco alcune idee pasquali per i bambini

Caccia alle uova: dove organizzarla

Ecco una delle idee pasquali più classiche, per definizione, la caccia alle uova deve essere fatta all’aperto: un bel giardino o un parco sono le location più indicate, soprattutto ora che le giornate si allungano e le temperature si alzano.

Tuttavia, per essere prudenti, meglio pensare anche a dove ripiegare in caso di un improvviso cambio di tempo: se optate per un parco pubblico, la scelta dovrebbe quindi ricadere su uno nei pressi di casa.

Se dovesse piovere in questi giorni, non rinunciate alla caccia alle uova: date un’occhiata al vostro appartamento e scoprirete che ci sono decine e decine di insospettabili nascondigli!

Uova, tante e decorate

Una volta scelto il dove, bisogna pensare alle protagoniste della giornata, le uova. Potrete procurarvi delle uova in plastica, in legno e decorarle, oppure potete preparare voi delle uova sode colorate. In alternativa, potete puntare sugli ovetti di cioccolato: insomma, l’importante è che abbondiate nel numero e, se possibile, nella fantasia delle stesse. Giusto per darvi un’idea, se un tempo la decorazione era solo con colori naturali, oggi potete decidere se volete delle uova rivestite di stoffa, con fili d’erba, glitter, decoupage e chi più ne ha, più ne metta.

Qualora le uova si rompessero durante la decorazione, potete inserire all’interno un piccolo regalino (come un pupazzetto o un fiore di stoffa), mentre per rendere più intrigante il tutto, con i grandicelli potete avvolgere attorno alle uova un biglietto con indizi per trovare più facilmente le altre uova.

Infine, non dimenticate di procurarvi un cestino per ogni bambino dove potrà riporre le uova trovate…

Le regole del gioco

easter-eggs-684453_640In sostanza la caccia alle uova può essere vista come una variante della caccia al tesoro: ogni bambino deve andare in esplorazione del territorio di gioco e scovare quante più uova riesce, usando gli indizi disponibili, se presenti.

Il gioco può essere a tempo (si fissa, ad esempio, il limite di mezzora per trovare quante più uova) o finire quando sono state trovate tutte le uova (in questo caso, bisogna sapere precisamente quante sono e non devono essere impossibili da trovare).

Al termine del gioco, si procede con la conta delle uova: vince chi ne ha trovate di più.

Cosa narra la leggenda

Per rendere ancora più interessante il tutto, possiamo raccontare ai bambini la leggenda della caccia alle uova, seconda la quale un coniglietto dispettoso (Easter Bunny) avrebbe disseminato in giro gli ovetti per fare uno scherzo. A loro il compito di ritrovarli tutti….

Quando fare la caccia alle uova?

Nei Paesi del Nord Europa, si gioca alla caccia alle uova in tutto il periodo pasquale, da alcune settimane prima della festa fino al giorno stesso.

Un’occasione per stare insieme

cacciauova1La caccia alle uova, in sostanza, non dura moltissimo e, quindi, abbiamo tutto il tempo per organizzare anche un bello spuntino da offrire ai nostri piccoli ospiti: non c’è un numero fisso di bambini per partecipare alla caccia alle uova, il numero ottimale dipende dalle dimensioni del giardino e dal numero di uova che vogliamo mettere in gioco. Inoltre, il bello della caccia all’uovo è che non c’è un limite di età: potrete così invitare anche i fratellini minori e creare l’occasione per far socializzare bambini di età diverse fra loro…

Inoltre, può essere una bella occasione per invitare non solo i soliti amichetti dei nostri bambini, ma per allargare il cerchio degli inviti a altri bimbi con cui c’è meno confidenza e gettare i semi per far sbocciare una nuova amicizia.

Oltre al gioco, possiamo preparare una merenda da mangiare tutti insieme e, a tal proposito, meglio non farci cogliere impreparate sul fronte dello spuntino: possiamo orientarci sia cibi salati, come ad esempio delle focaccine o dei panini piccoli con salumi, sia sul dolce, con torte e crostate.

Oppure non dimentichiamoci di una gustosa macedonia, per la quale ormai possiamo utilizzare anche la gustosa frutta di stagione, come fragole e ciliegie.

Oltre al gioco c’è di più

I bambini apprezzeranno sicuramente l’aspetto ludico della caccia, ma oltre al divertimento, questa sarà una bellissima esperienza per loro tutta nuova: i bambini saranno invitati a una sorta di festa, ma non di compleanno, scoprendo il piacere di stare insieme, anche se non c’è nessuno da festeggiare.

Una situazione che, se sarà piaciuta, potrà essere ripetuta in futuro con maggior frequenza e per diverse occasioni, ad esempio per festeggiare l’arrivo della primavera o dell’estate…

Potrà, invece, capitare che non sarete voi a organizzare la caccia, ma sarete invitate: dunque, cosa possiamo portare? Un’idea senz’altro carina sarebbe quella di portare qualcosa da mangiare, magari proprio una riproduzione in cioccolato del coniglietto molto monello che ha nascosto tutte le uova…

Altre idee pasquali e attività da fare

Se, oltre al gioco, avete voglia di far fare qualche attività ai bambini, potete eventualmente costruire insieme a loro il cestino porta uova prima della caccia; mentre dopo aver dichiarato il vincitore e fatto merenda, perché non concedervi una piacevole lettura di un classico a tema, come The tale of Peter Rabbit“ di Beatrix Potter?

Infine, se avessero ancora un po’ di energie, potrebbe essere interessante organizzare un piccolo percorso a ostacoli da percorrere… come coniglietti, saltellando!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto