5 cose positive nel diventare mamma

madreSicuramente una mamma non avrà più il corpo e la linea di un tempo perché, comunque sia, la maternità accelera quei segni che prima o poi compaiono in ogni donna di età matura: cellulite, smagliature, chili di troppo, pancetta.

Però, a pensarci bene, la maternità porta alla donna anche cinque aspetti positivi. vediamo queli:

  1. Sicurezza di sé: anche la mamma più timida e timorosa impara in fretta a “ruggire” se deve prendere le difese del figlio e anche in altre situazioni è portata a mostrarsi più forte per nascondere ai propri bimbi certi timori. Un esempio? Se andare dal dentista non è certamente gradevole, per non trasmettere questa paura anche ai propri figli, non ci si potrà mostrare timorose ma rilassate e tranquille.
  2. Compassione: un tempo, se ti fossi seduta accanto ad una mamma con un figlio urlante al seguito, l’avresti fulminata con lo sguardo. Ora che sai come ci si sente, in quei casi non lo faresti più ma al contrario, cercheresti di calmare il bimbo, facendolo distrarre con qualche domanda o complimento.
  3. Capacità di definire le priorità: ormai il tuo scopo è quello di allevare una prole che possa avere un ruolo produttivo nella società. Non hai più tempo per cose futili e quindi ti organizzi in modo da dare il giusto peso agli impegnie tralasciando quei tempi morti che ti concedevi prima di essere madre. Certo, anche il dolce far nulla ha una sua utilità ma ora se ti concedi del tempo per te stessa, lo assapori ancora con più gusto perché sai quanto è difficile averne.
  4. Organizzazione: temevi forse di diventare una madre svampita? come avrai notato la maternità ci rende davvero più sveglie ed efficienti. Ho concluso molte più cose da quando sono madre che non prima di esserlo e le mie giornate sembrano fatte di 48 ore invece che 24!
  5. Pazienza: non è una virtù facile da esercitare, ma con i bambini hai infinite opportunità di esercitarti nel moderare le tue reazioni quando le cose non vanno nel modo desiderato e inoltre, ti sorprenderai di come alla fine di una pesante giornata, anche se stanchissima e assonnata, ti riesca a rassicurare tuo figlio se si sveglia in piena notte piangendo per un incubo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto