Soldi in arrivo: ecco cosa cambia con il nuovo assegno unico universale, devi assolutamente sapere tutto!

In quest’anno ne abbiamo sentiti di bonus, agevolazioni e aiuti per le famiglie. Dal 2022 cambierà tutto riguardo all’assegno unico per i figli, dovresti proprio sapere di cosa si tratta per non perdere quest’opportunità!

aiuto
Questo sostegno economico può aiutare moltissime famiglie ad uscire da una situazione di impoverimento causata dalla pandemia da Covid-19! (Foto di Sally Jermain da Pixabay)

L’assegno unico universale per i figli verrà erogato in base alla situazione economica della famiglia di riferimento. L’importo cambierà in base al valore dell’ISEE del nucleo familiare. In particolare, verrà erogato un certo importo mensile per ogni figlio minorenne, anche per le madri che si trovano al settimo mese di gravidanza o che hanno un’età uguale o inferiore a 21 anni. In misura più contenuta, saranno distribuiti degli aiuti anche per i figli maggiorenni fino ai 21 anni di età.

PER ALTRE NOVITA’ E CONSIGLI SEGUICI SUL NOSTRO CANALE YOUTUBE

Assegno Unico Universale 2022: requisiti e come richiederlo

novità
Queste sono le ultimissime novità sul nuovo assegno unico universale: non puoi perdertele! (Foto di Capri23auto da Pixabay)

Una delle tante buone notizie, è che questo aiuto finanziario potrà essere erogato anche per chi riceve il reddito di cittadinanza. L’assegno verrà corrisposto a: lavoratori autonomi, dipendenti, incapienti e disoccupati che non ricevano, però, altri assegni familiari. Scendendo nel dettaglio, l’importo sarà erogato a:

  • Genitori.
  • Chi esercita la responsabilità genitoriale laddove non possano più farlo i genitori naturali.
  • Genitore affidatario nei casi di separazione legale o effettiva, di annullamento, scioglimento o cessazione del matrimonio.
  • Entrambi i genitori (importo diviso a metà) nel caso di affidamento congiunto.
  • Figlio maggiorenne fino a 21 anni.

Leggi anche: Bonus Casa 2021: scopri come richiederlo e tutte le agevolazioni che ti spettano!

Requisiti per la richiesta del sostegno

requisiti per richiedere l’assegno unico sono:

  • Essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea o anche fuori dall’UE, oppure un suo familiare, avente diritto al soggiorno temporaneo o permanente.
  • Dover pagare l’imposta sul reddito in Italia.
  • Risiedere ed essere domiciliato con i figli a carico in Italia.
  • Essere stato residente o risiedere attualmente in Italia per un periodo di almeno 2 anni (anche non consecutivi) oppure avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata almeno di due anni.

Leggi anche: Bonus Asilo Nido 2021, tutto ciò che c’è da sapere: come ottenerlo, importo e quando scade il bando

Importi per le famiglie

Arriviamo, adesso agli importi che dovrebbero essere simili a quelli attuali. Non ci sono ancora notizie certe. Attualmente, l’assegno viene erogato in base al valore dell’ISEE (che non deve superare i € 50.000,00 all’anno). Al momento, non essendoci ancora dei decreti specifici, non si sa se l’assegno unico 2022 seguirà gli stessi criteri e gli stessi importi di quello attualmente disponibile.

Come si richiede l’assegno unico

La domanda deve essere inoltrata all’INPS secondo le modalità indicate dall’ente appena metterà a disposizione l’attivazione del servizio attraverso il portale web. Nel caso non si disponga di SPID o di una Carta d’Identità Elettronica, si potrà fare domanda attraverso un servizio di patronato o chiamando il Contact Center Integrato, al numero verde 803164 (senza costi da rete fissa) oppure il numero 06164164 (da cellulari che però è a pagamento in base al gestore della propria linea telefonica).