Torta pasqualina: la ricetta tradizionale per una pranzo di Pasqua buonissimo!

Per il vostro pranzo di Pasqua preparate la torta pasqualina. Il piatto della tradizione veloce e gustoso che porterà in tavola gran parte dei sapori della primavera!

torta pasqualina ricetta pasqua
Torta pasqualina: metti questo ingrediente e sarà speciale!

La torta pasqualina si prepara nel periodo di Pasqua ed è una vera e propria celebrazione dei sapori della primavera e della natura. Ha un alto valore simbolico, perchè è un piatto povero della tradizione che si compone di uova e formaggio, ingredienti essenziali di questa torta rustica e alimenti che venivano consumati, nel passato, solo nelle ricorrenze speciali.

La ricetta classica viene dalla Liguria ma nel tempo si è modificata e ha assunto caratteristiche diverse in base al territorio di preparazione. Come molti piatti della tradizione, anche questa torta, può essere preparata aggiungendo o sostituendo vari ingredienti. L’importante però è che mantenga la sua vera e tipica essenza ovvero la “rinascita”. Non a caso infatti si utilizzano le uova, simbolo di fertilità e risurrezione.

La leggenda narra anche che fino a qualche secolo fa questa torta fosse la prova di grandi abilità casalinghe perchè permetteva di sovrapporre fino a 33 strati di sfoglia, 33 come appunto gli anni di Cristo. Siete pronti allora a prepararla con noi?

LEGGI ANCHE: Ancora nessuna idea per il pranzo di Pasqua? Prova questa lasagna con un ragù speciale!

Torta pasqualina: la tradizione sulla tavola di Pasqua

Come vi abbiamo anticipato questa ricetta si compone di molti ingredienti della terra: dagli spinaci, alle erbette, fino alle cipolline e alla maggiorana. Noi vogliamo proporvi una ricetta un pò rivisitata con l’utilizzo dei carciofi al posto degli spinaci. Una variante leggermente diversa ma comunque piena di gusto e dal sapore intenso.

Questi gli ingredienti:

  • 300 g di farina 00
  • 180 ml di acqua
  • 20 ml di olio extra vergine di oliva
  • sale q.b
  • pepe q.b
  • 5 carciofi
  • 3 uova
  • 250 g di ricotta
  • 50 g di parmigiano reggiano D.O.P
  • 5 foglie di maggiorana
  • 5 di mentuccia
  • 1 tuorlo per spennellare la torta; 1 limone per pulire i carciofi e uno spicchio d’aglio

SEGUICI ANCHE SUL NOSTRO CANALE YOUTUBE PER ALTRI TRUCCHI E CONSIGLI

La preparazione passo dopo passo

La prima cosa da fare è occuparci dei carciofi. Prendete allora una padella, aggiungeteci dell’olio e uno spicchio d’aglio. Precedentemente i vostri carciofi saranno dovuti essere tagliati a pezzetti e messi in una ciotola con acqua e limone. Dopo rosolateli in padella a fuoco basso.

A questi aggiungete in cottura le vostre foglie di maggiorana e lasciete cuocere il tutto per circa 15 minuti. Dopo prendete una ciotola aggiungete il parmigiano, la ricotta e un pizzico di sale con il pepe. Mescolate il vostro composto e aggiungete i carciofi.

Ora occupatevi della pasta: in un’altra ciotola mettete la farina, un pizzico di sale e la vostra dose di olio. Mescolate delicatamente aiutandovi con un cucchiaio. Mettete ora a poco a poco la vostra dose di acqua e cominciate ad impastare. Lavorate il vostro composto per qualche minuto e dopo aver formato una palla dividetelo in quattro parti. Concentrarvi prima sulle prime due e stendetele su di un piano. Dovranno essere un pochino più grandi rispetto alle seconde due.

LEGGI ANCHE: Pranzo di Pasqua: tre idee per un contorno saporito e davvero semplice

Ora adagiate la prima sfoglia nella teglia che avete scelto per far cuocere la vostra torta e spennellate con dell’olio. Aggiungete poi il secondo strato di sfoglia e dopo aver spennellato anche questo procedete ad inserire il vostro composto a cui aggiungerete della mentuccia fresca. Ora con un cucchiaio cercate di fare tre incavi e qui mettete le vostre uova.

Ricoprite con gli altri due strati di sfoglia sottile e chiudete delicatamente i bordi. Sbattete un altro uovo, spennallate la superficie e infornate la vostra torta in forno statico a 180 gradi per 40 minuti. Togliete a fine cottura la torta dal forno e lasciatela raffreddare ancora per qualche minuto.