I capelli rovinati si curano di notte: uno degli errori che facciamo tutti, peggiora la situazione

Sono tanti i fattori responsabili della salute dei nostri capelli. Quando finiscono col rovinarsi è fondamentale prestare attenzione ad un errore molto comune.

Come con la cura della pelle, anche i capelli hanno bisogno delle giuste attenzioni per mantenersi sani e luminosi. L’utilizzo costante di piastre e asciugacapelli, per esempio, rischia di danneggiarli a lungo andare. Lo stesso vale per l’uso frequente di tinture. Tra i vari errori, ce n’è uno molto comune che non fa altro che peggiorare la situazione: fortunatamente basta qualche piccolo accorgimento per prendersi cura della propria chioma, non solo di giorno ma anche di notte.

Come curare i capelli rovinati di notte
I capelli rovinati si curano anche di notte: come evitare un errore comune – mammastyle.it

Per quale motivo i capelli si danneggiano? Il modo in cui li trattiamo ha un’importanza fondamentale. Innanzitutto, è bene ricordarsi di non apportare uno stress eccessivo alla propria chioma. In tal senso tinture, piastre e asciugacapelli non sono necessariamente da evitare ma andrebbero moderati ed utilizzati con consapevolezza. Allo stesso modo lavare quotidianamente i capelli significa sottoporli all’azione di prodotti chimici che rischiano di rovinarli.

Per questa ragione è consigliato lavarli una o due volte alla settimana (se non sono particolarmente secchi o grassi, altrimenti i lavaggi vanno aumentati a tre o quattro volte). Se ci rendiamo conto di avere i capelli rovinati, possiamo sempre fare ricorso a maschere riparatrici, o applicare creme idratanti. Inoltre è importante che siano sempre puliti e che, prima di andare a letto, vengano spazzolati utilizzando un pettine a denti larghi, così da non rischiare di spezzarli.

Capelli, l’errore che facciamo prima di andare a dormire

Per ottenere i risultati desiderati è necessario apportare alcuni cambiamenti al proprio stile di vita: solamente in questo modo sarà possibile avere capelli sani e splendenti. Molto spesso, infatti, compiamo errori che finiscono esclusivamente col rovinarli. Abbiamo già menzionato l’uso eccessivo di piastre, asciugacapelli e tinture. E anche i lavaggi quotidiani. Ma esiste un altro sbaglio comune e allo stesso tempo dannoso: andare a dormire con i capelli sciolti anziché legati.

Come curare i capelli rovinati di notte
mammastyle.it

Molte persone, prima di coricarsi, non si preoccupano di legare i capelli – che sia per pigrizia, comodità o altri motivi. In realtà si tratta di un errore: il rischio è che i capelli si annodino tra loro e si indeboliscano per via del prolungato sfregamento sul cuscino. Tenere la chioma raccolta è un’ottima soluzione per evitare che si rovini durante la notte. Con una treccia, uno chignon o una coda, ciò che conta è che i capelli siano legati. Importante è ammorbidirli prima di procedere, così che il cuoio capelluto non si stressi.

Precisiamo che anche tenere sempre i capelli legati non è salutare. La chioma tenderà ad essere sempre tesa, tirata e si spezzerà con più facilità. Insomma, il troppo stroppia in ogni caso ma è importante che vengano raccolti prima di mettersi a dormire. Infine vi consigliamo di scegliere elastici di qualità e di preferire quelli di spugna (ad eccezione di quelli di plastica o gomma), gli scrunchies, oppure i kanzashi. Anche i foulard di seta sono un’opzione valida. Mentre sono da evitare mollette e fermagli.

Impostazioni privacy