Dormire in letti separati: quello che non avresti mai immaginato

Se ti dicessimo che dormire in letti separati può salvaguardare il benessere della coppia? Scopriamo insieme quest’usanza già diffusa in tutta l’America!

L’America in questione di abitudini, usi e costumi è sempre stata parecchio criticata: partendo dalle tradizioni culinarie, terminando con i modi di vita anche piuttosto estremi, la sua è una popolazione molto variegata, tuttavia molti andrebbero a viverci all’istante, altri preferirebbero qualsiasi luogo fuorché questo paese. Eppure, proprio in pieno stile americano, oggi vogliamo parlarvi di un’abitudine che ha già ampiamente preso piede e che potrebbe in poco tempo arrivare sino all’Italia.

dormire separati
Dormire in due posti diversi potrebbe salvare la vita? Ecco ciò che non avreste immaginato!
Credits_adobestock

La vita in coppia non è mai uguale tra le milioni che già esistono nel mondo, ognuno crea con il proprio partner equilibri differenti e personalizzati. Nonostante questo, i problemi di ogni giorno, lo stress lavorativo e la crescita dei figli possono notevolmente cambiare sia i partner stessi che il modo di viversi nell’intimità di ogni giorno. Ecco perché dormire separati al momento sembra la scelta migliore.

Un’idea che a molti di voi potrà far storcere il naso, ma che sembra aiutare molto tutte le coppie in crisi o in un momento di difficoltà. Perché?

Dormire in letti separati salva la vita: ecco come un’abitudine può cambiare il benessere della coppia

Come dicevamo, i puristi o tutti coloro che vedono la propria relazione come totalmente condivisa potrebbero non approvare. Eppure in America si sta vivendo la diffusione di questa nuova abitudine, ovvero dormire in letti separati per salvaguardare il proprio personale benessere, che inevitabilmente va a ripercuotersi sul sistema familiare e di coppia.

dormire in letti separati
Dormire in luoghi diversi potrebbe risolvere alcune problematiche prettamente ‘fisiche’ come russare, appropriarsi dello spazio o delle lenzuola
Credits_adobestock

Sia chiaro: è certamente un’abitudine strana, tuttavia non possiamo e non dobbiamo rimanere ancorati ad un modo di vivere basato su canoni passati o su costrutti sociali che in fondo, non servono e nella maggior parte dei casi possono addirittura limitare. Sembra che dormire in due luoghi diversi possa innanzitutto stimolare benessere, ritrovare la propria individualità concedendoci qualche ‘piccola cattiva abitudine’ che per via della condivisione del letto, volenti o nolenti abbiamo dovuto eliminare. Che sia ad esempio il dormire con i calzini, lasciare la luce accesa, andare a letto tardi o fumare nella camera da letto.

In qualche modo, scindere il momento del sonno dalla condivisione del letto incrementa la voglia di intimità, il volersi cercare e il tornare a guardarsi con occhi diversi, nel caso in cui si tratti di coppie ormai consolidate da anni. Considerando appunto le abitudini familiari, figli che dormono nel lettone con i genitori, sveglie differenti e posture corporee diverse, dormire in letti differenti può davvero salvare un rapporto che richiede libertà, sostegno e individualità. L’attrice Milena Vukotic, la famosissima Pina di Fantozzi, è sposata da diciassette anni con il regista Alfredo Baldi e in tutto questo tempo hanno sempre vissuto in due appartamenti separati, uniti però da un balcone. Ognuno ha i propri spazi -come ha affermato lei- pranziamo e ceniamo insieme, per poi tornare nei nostri rispettivi appartamenti. Ci amiamo e sono innamorata di lui, è impossibile non esserlo.

Anche Frida Khalo e Diego Rivera, che hanno sempre vissuto una storia d’amore molto intensa e travagliata, non vivevano insieme, ma in due appartamenti separati e uniti da un ponte. Entrambi avevano la voglia di cercarsi e condividere momenti, tornando poi nei loro alloggi per godere della propria indipendenza ed individualità. Provando quindi a mettere da parte le proprie convinzioni personali, dormire in letti separati potrebbe risolvere qualche piccolo vostro problemuccio di coppia? A voi la sentenza!