Non dev’essere un obbligo, ma un piacere: attività fondamentale per la crescita del bambino

Non dev’essere un obbligo, ma un piacere per tutti: è un’attività fondamentale per la crescita del tuo bambino, probabilmente lo ignoravi

no obbligo ma passione
Nessun obbligo, è con questa passione che crescono bene i bambini

Al giorno d’oggi crescere un bambino non è più semplice come una volta. Tanti anni fa i bambini spesso e volentieri crescevano insieme i nonni che li aiutavano ad avvicinarsi alla vita di tutti i giorni, portandoli a passeggio in campagna e facendosi aiutare anche delle faccende del quotidiano. Oggi invece non è più sempre così, anzi, spesso e volentieri i bambini vengono lasciati davanti alle televisioni, agli smartphone o ai tablet, in balia di loro stessi. Se per genitori e i nonni questo a volte è un momento di riposo da bambini che in alcuni casi esagerano con i capricci, dobbiamo essere anche consapevoli che non stiamo facendo il loro bene, anzi. Sebbene bambini delle ultime generazioni siano particolarmente abili con la tecnologia, questo non deve essere una scusa per noi genitori di lasciarli soli con qualsiasi tipo di dispositivo. Questo anziché educarli li farà crescere ancora più disorientati. Ogni età ha i propri giochi e propri sviluppi e stimoli, e la tecnologia non dovrebbe essere in alcun modo abusata soprattutto nei bambini piccoli. Ecco perché sarebbe bene ritornare ai vecchi e buoni libri e i giochi interattivi che aiutano i bambini nel linguaggio e nello sviluppo delle abilità. Ma come possiamo aiutarli e aiutarci ad avvicinarli al mondo dei libri in un periodo in cui la tecnologia la fa da padrone.

LEGGI ANCHE:Ruota dei colori : il gioco montessoriano utile e formativo!

Non dev’essere un obbligo, ma un piacere: attività fondamentale per la crescita del bambino

A spiegarci come aiutare i nostri bambini ad incuriosirsi e avvicinarsi ai libri, piuttosto che agli smartphone ci pensano psicologi e pedagogisti. La lettura oltre a fortificare il linguaggio, aprire la mente e sviluppare l’immaginazione, può costituire anche un momento di condivisione tra genitori e figli che possono trovare in questo rituale, un momento di affetto e di unione. 

SEGUICI ANCHE SUL NOSTRO CANALE YOUTUBE PER ALTRI TRUCCHI E CONSIGLI

La Dott.ssa Chiara Mancarella, ha le idee ben chiare in merito alla lettura. Innanzitutto deve diventare un piacere, affinché sia davvero efficace, piuttosto che un obbligo. E come fare per avvicinare i bimbi ai libri? Per prima cosa consiglia di abituarli sin dai primi mesi, proprio ai libri come oggetti, procurando loro dei libri tattili, che possano sfogliare e toccare. Poi man mano stimolare la loro curiosità magari con libri che parlano di temi a loro cari. Che parlino del loro sport preferito, di una loro passione o del loro cantante preferito. Perché da che mondo è mondo, l’appetito vien mangiando e così è anche per la curiosità.