Vestiti che puzzano di frittura: il rimedio della nonna per averli di nuovo profumati

Dite addio ai vestiti che puzzano di frittura: il rimedio della nonna che sicuramente non conoscevi per averli di nuovo profumatissimi

Vestiti che puzzano di frittura
Vestiti che puzzano di frittura: come averli profumati

Uno dei problemi che accomunano moltissime donne che passano del tempo in cucina è sicuramente la puzza di cibo che si impregna nei vestiti. Non c’è nulla probabilmente di più antipatico del prepararsi per una bella cena in famiglia o con gli amici, e poi ‘puzzare’ letteralmente dalla testa ai piedi di cibo, o peggio ancora, di frittura. Se per il cibo normale, dopo un po’ l’odore, seppur sgradevole, va via, per la puzza di frittura il problema è un po’ più serio. La puzza di frittura, e soprattutto l’unticcio che lascia sui nostri capi di abbigliamento è davvero sgradevole. I nostri vestiti sembrano non essere lavati da mesi, e noi non vediamo l’ora di toglierli di dosso. A volte però può succedere che anche dopo lavati, i nostri capi risultino ancora puzzolenti. Quindi, cosa dobbiamo fare per non arrivare al punto di doverli lavare due o tre volte prima di ottenerli puliti e profumati? Ricorriamo ai vecchi metodi della nonna. 

LEGGI ANCHE: Come eliminare la puzza di frittura dai capelli: ti basteranno solo 2 ingredienti

Vestiti che puzzano di frittura: il rimedio della nonna per averli di nuovo profumati

Le nostre nonne non avevano a disposizione gli elettrodomestici e i detersivi di cui disponiamo oggi, quindi i loro metodi, non solo erano più ecologici, ma anche molto più economici. Per eliminare la puzza di frittura dai nostri vestiti possiamo optare per due metodi. Entrambi efficaci ed entrambi molto economici. Uno è indicato per gli abiti più delicati, l’altro per tutti gli altri capi. 

  1. Possiamo mettere in ammollo i nostri vestiti in una bacinella d’acqua tiepida, e un bicchiere di bicarbonato di sodio. Oltre a disinfettare, il bicarbonato è ideale per eliminare gli odori e le eventuali macchioline. Particolarmente indicato per i capi molto delicati.
  2. Il secondo metodo è più indicato per i capi in lana, o comunque tutti quei capi d’abbigliamento che presentano una trama molto più spessa e lavorata. In una bacinella d’acqua tiepida aggiungete due bicchieri di aceto di mele. L’aceto assorbirà l’odore e lascerà i capi molto morbidi.

In entrambi i casi dopo procedete con un lavaggio come siete abituati a fare. I vostri vestiti saranno puliti, disinfettati e soprattutto PROFUMATISSIMI.