Massaggio infantile, cos’è e come praticarlo: 3 benefici che non ti aspetteresti

Massaggio infantile, cos’è e come praticarlo: scopriamo 3 benefici importantissimi che non ti aspetteresti da questa pratica così antica

Massaggio infantile
Massaggio infantile: come e quando praticarlo

I nostri piccolini appena nati sono terribilmente delicati e soprattutto fragili. Tocca a noi genitori occuparci di loro, sostenerli e proteggerli, in tutto e per tutto. Ecco perché spesso e volentieri forse diventiamo più apprensivi di quanto noi stessi pensiamo di poter essere. Soprattutto i genitori che si accingono ad abbracciare il loro primo bambino, risultano particolarmente apprensivi. Spesso si ha paura di non essere in grado, di essere troppo irruenti, poco adatti. A volte addirittura si pensa di poter far male al nostro bambino, anche se involontariamente. Ma a volte ci dimentichiamo che seguire l’istinto è la cosa migliore. e questo può essere un problema. Il nostro bambino ha bisogno di noi e delle nostre coccole e quale modo migliore se non con un massaggio? Avete capito bene, con un massaggio, che ovviamente non sarà certo il massaggio che facciamo noi a nostro marito, che lui fa a noi o che ci facciamo fare alla spa. Ma un massaggio apposito per loro.

LEGGI ANCHE: Primi dentini, come aiutare il tuo bambino contro il dolore

Massaggio infantile, cos’è e come praticarlo: 3 benefici che non ti aspetteresti

Il massaggio infantile è un massaggio molto semplice da eseguire in realtà, ma il numero di benefici che può dare al nostro bambino è davvero alto. Innanzitutto il massaggio infantile:

  1. Rafforza il legame tra il bambino e i genitori che glielo praticano
  2. Ottimo per diminuire lo stress e favorire il rilassamento, anche prima della nanna
  3. Lenisce i fastidi legati alla presenza di coliche addominali, dolore alle gengive, scatti di crescita

Per eseguire un buon massaggio infantile potete innanzitutto iscrivervi all’Associazione Italiana Massaggio Infantile, che tiene dei veri e propri corsi in cui vengono spiegati e resi noti tutti i tipi di massaggi. Però per grandi linee si inizia innanzitutto mettendosi in una stanza calda e confortevole e procurandosi un olio vegetale da poter utilizzare. La prima parte da massaggiare sono quasi sempre gambe e piedi, che risultano essere i punti meno vulnerabili. Si avvolge la mano intorno alla gambina e con delicatezza e lentezza si eseguono movimenti circolari, per riattivare la circolazione e rilassare. Poi si passa a torace e pancia, con i palmi sul torace, si parte dal basso verso l’alto e poi viceversa, muovendo delicatamente i pollici a compiere dei cerchi. Adesso tocca alle braccia, vale lo stesso discorso delle gambine. Il viso, poggiate delicatamente le mani intorno al viso del vostro bimbo e poi con i pollici sempre unti tracciate delle linee leggere dalla fronte alle tempie e poi dalle gote alle tempie.