Sedano rapa, tutto quello che c’è da sapere su questo ingrediente incredibile

Non molti conoscono il sedano rapa, ma una volta provato questo ingrediente incredibile, non ve ne separerete più

sedano rapa ingrediente
Scopriamo insieme un ingrediente pazzesco, ancora poco conosciuto, ma dalle grandi proprietà e benefici: stiamo parlando del sedano rapa (Foto di Maria Gutebring da Pixabay)

Il sedano rapa è ancora un ingrediente poco conosciuto in Italia, ma una volta scoperte le sue proprietà e i suoi diversi utilizzi in cucina lo amerete alla follia. Viene chiamato anche “sedano di Verona”. Sebbene l’aspetto possa intimidire, il sedano rapa ha un gusto prelibato: simile alle patate, ma più leggero e delicato. Il sedano rapa è una radice, molto utilizzata in Europa del Nord. Dal bassissimo contenuto calorico, questa radice è in realtà ricca di proprietà benefiche e può essere utilizzato in diverse ricette e con diverse preparazioni.

Leggi ancheCavolfiore, come cucinarlo? Esistono tantissime idee per piatti gustosi e genuini

Sedano rapa, come si cucina?

E’ un ortaggio autunnale, la cui raccolta va da agosto a dicembre. Utilizzabile in mille modi, è costituito dal 90% di acqua. Ricco di proteine, vitamine e sali minerali come ferro, fosforo e potassio. Vanta proprietà depurative ed è un antiossidante naturale: contrasta l’invecchiamento cellulare e contrasta i radicali liberi. Un ingrediente i cui benefici aiutano nella vita di tutti i giorni. Il punto di forza del sedano rapa, oltre alle proprietà benefiche sulla salute, è la grande versatilità in cucina. Vediamo insieme come cucinarlo e che ricette fare partendo da questo magnifico prodotto naturale.

SEGUICI SU FACEBOOK PER ALTRE CURIOSITA’

Questa tipologia di sedano può essere utilizzata in cucina sia cruda che cotta. Prima di cucinarlo, bisogna procedere a pulire la radice. Vanno tolte le foglie e le piccole radici, poi va sbucciato come se fosse una carota. Se invece volete utilizzare la buccia, va ben sfregata e lavata. Il sedano rapa crudo può essere ottimo per insalate fresche o guarnizioni: potete tagliarlo alla julienne o a fettine. Potete anche utilizzarlo marinato come contorno per carni bianche e rosse. La sua versione cotta è quella che maggiormente può stupirvi. Potete trasformarlo in zuppe, in purè, cotto in forno, gratinato, fritto, in padella e sulla brace: la scelta è veramente molto ampia. La polpa è soda e dal color crema: tagliata a cubetti vi ricorderà le patate al forno, ma il contenuto calorico è molto diverso.

Non vi resta che provare questo ingrediente nordico, che non può deludervi!