Bonus per le famiglie: purtroppo una brutta notizia in arrivo per questa categoria di persone

Bonus per le famiglie: una brutta notizia purtroppo sopraggiunge per questa categoria di persone, scopriamo cosa sta succedendo

E’ da tempo ormai che sentiamo parlare di diversi bonus erogati al fine di fornire un aiuto alle famiglie in difficoltà. Non si era solo parlato della cosiddetta carta acquisti, ma negli ultimi mesi aveva preso piede la diffusione e l’erogazione del bonus di 200 euro.

bonus brutte notizie
Bonus per le famiglie: brutte notizie

Fino a qualche settimana fa, si leggeva che il bonus di 200 euro era in primis destinato ai lavoratori dipendenti. Poi gli ultimi aggiornamenti ci avevano fatto sapere che da Settembre sarebbe stato possibile, anche per i lavoratori indipendenti e detentori di Partita Iva, richiedere il suddetto. Una brutta notizia però adesso emerge al riguardo. Ecco cosa abbiamo scoperto.

Bonus 200 euro, brutta notizia in arrivo

Dopo la bella notizia giunta ad inizio mese, ecco che ci ritroviamo a fare ora i conti con un’altra dura realtà. E diciamo che in tempi di crisi e di aumento dei costi, non è sicuramente il massimo quello che staremo per leggere. Una stangata era già provenuta qualche giorno fa da una delle ultime notizie che ha visto la riduzione del bonus da 200 a 150 euro.

Ora scopriamo però che per i lavoratori indipendenti e quindi con Partita Iva, non è ancora possibile richiedere il bonus di 200 euro come si era inizialmente detto. Di fatti, in Gazzetta Ufficiale, non è pervenuto il decreto che ne abbia effettivamente attestato la sua messa in atto. Di fatti, sarà solamente dal 26 Settembre 2022 che a quanto pare sarà possibile effettivamente fare richiesta per ricevere il bonus, secondo quanto riporta l’Associazione degli enti previdenziali privati, ANDEPP.

bonus brutte notizie
Bonus (Credits: Adobe)

Questo rallentamento ovviamente non fa altro che mettere sempre più in difficoltà le famiglie che in questi ultimi tempi si trovano con l’acqua alla gola. Ma dovete sapere che, per la medesima istanza che si presenterà al fine di ricevere il bonus di 200 euro sarà possibile richiedere anche quello di 150 euro una tantum che vedrà l’erogazione del bonus a quanti nel 2021 non abbiano avuto un reddito superiore a 20mila euro.