Perché la dieta non funziona: l’errore imperdonabile che commettono quasi tutti

Sai perché la dieta non funziona? Purtroppo non dipende solo da un’alimentazione sbagliata, ma anche da alcuni nostri errori fatidici!

Tutti noi nella vita almeno una volta ci siamo ritrovati a dover seguire una dieta: per regolarizzare l’organismo, correggere alcune cattive abitudini o, nella maggior parte dei casi, per buttare giù quei chiletti di troppo che spesso ci fanno sentire a disagio. Possiamo chiedere l’aiuto ad un esperto del settore come un nutrizionista o un dietologo nel caso in cui non si possiedano le nozioni principali di una buona alimentazione oppure seguirne una faidate se già in passato ci siamo ritrovati a farla in autonomia.

dieta non funziona
Ecco i motivi per cui anche se si segue una dieta non si dimagrisce, fate attenzione!
Credits_adobestock

Purtroppo però non sempre le diete funzionano: vuoi perché quella seguita non faccia al caso nostro, vuoi per una serie di sgarri o semplicemente perché commettiamo alcuni grandi errori. Quindi, noi di Mammastyle oggi vogliamo fornirvi un aiuto prezioso affinché la dieta seguita possa sempre dare i risultati sperati. Pronti? Scopriamo qualche consiglio pratico ed utile!

Se la dieta non funziona stai sicuramente commettendo questi errori: ecco quali evitare sin dall’inizio

Uno degli errori già di per sé fatali è quello di seguire una dieta faidate, trovata su Internet e di dubbia fonte oppure del tutto sbilanciata. In realtà una buona alimentazione non prevede regole ferree, ma soprattutto in una dieta certificata si mangia eccome. Questo è l’unico segreto per riattivare il metabolismo, bruciare le giuste calorie e di conseguenza buttare giù quei chili di troppo. Ma perché la dieta non funziona? Quali sono questi errori?

perché dieta non funziona
Evitate l’assunzione di prodotti dimagranti o integratori se non previo consulto medico!
Credits_adobestock
  • Mangiare poco: come già detto, una dieta sana e certificata preverrà sempre almeno 4 pasti al giorno. Colazione, spuntini, pranzo e cena sono fondamentali per attivare il metabolismo, lanciandogli quei segnali giusti per smaltire calorie e grassi. Ovviamente bisogna seguire il giusto apporto per pasto di fibre, proteine, carboidrati e grassi buoni, pertanto richiedere l’aiuto di un professionista sarà la scelta più azzeccata.
  • Non allenarsi: seguire una dieta senza allenamento sarebbe come dire di lavarsi sotto la doccia pur non utilizzando un sapone. Alimentazione e attività fisica vanno di pari passi poiché da una parte troviamo tutti i nutrimenti per il corpo, dall’altra eliminiamo grasso, tossine e tonifichiamo. Pertanto fin dall’inizio associamo ad una dieta quel quanto che basta di movimento fisico, anche solo 3 volte a settimana saranno più che sufficienti.
  • Non dormire: oppure dormire troppo, il sonno è ristorativo per il corpo e ci permette di bruciare a dovere quando viene eseguito nel modo corretto. L’atto del sonno infatti stimola leptina e grelina, responsabili del senso di sazietà e senso di appetito. Scompensando l’equilibrio dei due potremmo avvertire troppa fame o al contrario poca. Evitiamo di bere durante le ore serali alcolici, anzi, andrebbero aboliti del tutto.
  • Farsi condizionare: sì, si tratta di una dieta, ma non bisogna farsi prendere la mano poiché sarebbe poco produttivo e anche pericoloso. Evitiamo di pesarci ogni giorno, evitiamo di farci frustrare da quel senso di ‘delusione’ provocato da un numero sulla bilancia. Un giorno potremmo essere un po’ più gonfi, un altro invece più predisposti. Il corpo è una macchina a sé, non funziona ugualmente ogni giorno. Pesiamoci invece una volta a settimana, magari il Lunedì, nudi e a digiuno.