E’ un errore grossolano, lo fanno in tanti senza saperlo: occhio a cosa fai in cucina

Questo errore di cucina è spesso alla base di sughi bruciati oppure poco cotti: curiosi di scoprire un trucchetto geniale ed infallibile?

La cucina italiana è ricchissima di ricette sfiziose, povere ma estremamente ricche nella fantasia e nel sapore. Non possiamo non parlare della preparazione casalinga della pasta fresca ad esempio, impastata con amore da tutte le nonne, dall’estremo Nord all’estremo Sud. Solitamente con la pasta utilizziamo un condimento che è in realtà il simbolo per eccellenza di tutto il Bel Paese, ovvero il sugo di pomodoro.

errore in cucina
Scommettiamo che anche tu commetti questo comune errore in cucina!
Credits_adobestock

Ogni famiglia, nonostante l’estrema facilità d’esecuzione, ha la sua ricetta personale, c’è chi mette lo zucchero, chi una carota intera, chi ancora non aggiunge alcun tipo di soffritto. Insomma, ognuno segue la ricetta segreta, tuttavia scommettiamo che a volte il sugo si bruci alla base o che, al contrario, risulti ancora liquido nonostante il tempo di cottura prestabilito. Ecco perché oggi noi di Mammastyle vogliamo svelarvi un trucchetto per ottenere un ottimo sugo di pomodoro, evitando un grande errore!

Questo è un errore di cucina piuttosto comune: fai attenzione o il tuo sugo non sarà mai perfetto!

Perché i sughi che preparano le nostre nonne sono perfetti in tutto e per tutto, mentre quelli preparato da noi pur rispettando la ricetta risultano diversi o più scialbi? Molto semplicemente, le nonne conoscono ed attuano tutti i segreti per prepararli nel migliore dei modi. Alcuni di questi sono talmente radicati in loro che difficilmente li svelano ai nipoti, anche se molto probabilmente alle figlie si. Ma quindi, senza perderci troppo in chiacchiere, come lo prepariamo un buon sugo di pomodoro evitando alcuni classici errori?

cucinare salsa di pomodoro
Le nostre nonne al soffritto aggiungono anche i pelati, per conferire un sapore ancora più goloso!
Credits_adobestock

Prima di tutto, bisogna dirlo: anche se in alcune varianti regionali il soffritto non c’è, bisogna metterlo. Cipolla o aglio soffritti nell’olio, conferiscono all’intera salsa un sapore diverso, appetitoso e inoltre la dolcezza ad esempio della cipolla contribuisce a ridurre l’acidità stessa del pomodoro. Pertanto, tritiamola molto fine, facciamola rosolare sempre e comunque a fiamma dolce affinché diventi trasparente e non bruci.

La salsa cruda va poi aggiunta lentamente, poggiando la bottiglia su un lato del tegame per evitare che l’olio possa perdere drasticamente la temperatura. Potremo in questa fase aggiungere alcuni aromi come pepe nero in grani, tritato fresco, foglie di basilico oppure di alloro per incrementare la digeribilità. La salsa dovrà cuocere a fuoco lento, con un coperchio e andrà mescolata spesso per evitare che la parte sottostante si bruci. In ultimo, ma non per importanza, massima attenzione dovremmo porla nella scelta del recipiente. Molti utilizzano pentole dai bordi alti, ma in realtà per una cottura uniforme ed omogenea dovremmo cuocerlo nelle padelle. Seguendo questi trucchetti siamo sicuri che le vostre nonne saranno fierissime di voi!