Arriva il tempo di conservare i maglioni, ma attento a come li pieghi o saranno guai

Come conservare i maglioni in vista del cambio di stagione? Attenzione a come lo fate perché potrebbero rovinarsi per sempre!

Siamo ufficialmente in primavera e se durante le ore serali una giacchetta di jeans sulle spalle fa piacere, durante le ore del mattino e del pomeriggio, i maglioni iniziano letteralmente a infastidire: prudono, ci fanno sudare eccessivamente e non si possono più sopportare. Ci siamo, cari amici di Mammastyle, giorno in più o giorno in meno è arrivato il momento del cambio di stagione.

come conservare maglioni
Eccoti tutti i trucchetti per conservare i maglioni in modo perfetto!
Credits_adobestock

Ovviamente dovremmo tutti noi saperlo, bisogna adeguatamente lavare, stirare e piegare a dovere tutti i capi appartenenti alla stagione vissuta per evitare che, al prossimo cambio siano sgualciti o rovinati. Se felpine, pantaloni e gonne possono essere conservati con estrema facilità, discorso a parte deve essere fatto per i maglioni. Questi, essendo quasi sempre realizzati in lana tendono a rovinarsi vertiginosamente in poco tempo, ma noi siamo qui oggi proprio per evitarlo.

Ecco perché, chiacchierando in redazione, abbiamo pensato di fornirvi degli aiuti validi e dei metodi efficaci per conservare i maglioni di lana nel migliore dei modi con alcuni trucchetti speciali. Curiosi di scoprirli insieme a noi?

Come conservare i maglioni di lana in armadi e cassetti. segui questo metodo e non sbaglierai più

Vi sarà successo almeno una volta, durante il cambio di stagione, di ritrovare maglioni o maglioncini completamente sgualciti e spiegazzati, dalle forme antiestetiche e persino maleodoranti di muffa o di chiuso. Questo purtroppo dipende da alcuni errori che commettiamo spesso senza neppure accorgercene, ma da oggi si cambia musica! Perché non scopriamo insieme come conservare i maglioni in lana con dei trucchetti efficaci e divertenti?

conservare maglioni di lana
Durante la fase di lavaggio a mano, aggiungiamo in bacinella qualche goccia di olio essenziale profumato, vedrete che fragranza rimarrà sul tessuto!
Credits_adobestock
  • Lavaggio: ricordiamoci sempre che maglioni e maglioncini in lana non dovrebbero mai essere lavati in lavatrice, anche se quest’ultima possiede dei comandi appositi. La centrifuga è nemica indiscussa della lana, per questo motivo dovremo procedere con un lavaggio a mano, in acqua tiepida nel caso in cui il tessuto sia a tinta unita oppure fredda, se troviamo stampe o applique gioiello.
  • Asciugatura: questo è forse l’errore più comune che commettiamo quando si tratta di conservare i maglioni. Questi non dovrebbero mai essere stesi sul classico stendino, poiché il peso dell’acqua tenderebbe a deformarli, soprattutto su braccia e fondo maglia. Quando li avremo lavati, non strizziamoli assolutamente, ma poggiamoli tra due asciugamani assorbenti di spugna, pressando affinché l’acqua in eccesso venga spurgata. Dovremo successivamente stenderli su una superficie piana, ridargli la forma originale con le mani e attendere che siano completamente asciutti.
  • Conservazione: quando i maglioni saranno ben asciutti, evitiamo nel modo più assoluto di stirarli poiché la lana potrebbe restringersi o modificarsi nelle fibre tramite il calore della piastra. Se proprio dobbiamo, poniamo tra il ferro ed il maglione un panno di cotone ben spesso. Dovremo poi piegarli in modo adeguato evitando che le maniche si accavallino l’una sull’altra riponendoli all’interno di confezioni in plastica con chiusura a zip o sottovuoto. Attenzione anche alle tarme! Qui trovate un metodo speciale per tenerle lontane dagli armadi e dai cassetti, eventualmente potremo aggiungere all’interno delle confezioni alcune bustine a rilascio graduale per evitare che possano intaccare i tessuti. In questo modo i nostri maglioni arriveranno in ‘perfetta salute’ nella prossima e futura stagione!