Cavolfiore sì, ma… senza odore in tutta la casa! Il trucco che ti cambierà la vita

Il cavolfiore ha moltissime proprietà benefiche per il nostro corpo ed esistono svariate ricette gustose. Sì ma come evitare quel cattivo odore?

Il cavolfiore è un alimento squisito che si presta bene a moltissime ricette sfiziose, l’unica nota dolente è quel terribile odore che produce quando lo mettiamo a cuocere, non sarebbe bellissimo cucinarlo serenamente senza quell’effetto?

cavolo
Prepara il cavolfiore senza quel terribile odore (Foto di congerdesign da Pixabay)

E’ un prodotto molto salutare, consigliato in moltissimi regimi alimentari dietetici. Ha molte vitamine, sali minerali, in particolare ferro e magnesio, è ricco di fibre e acidi grassi, come l’omega 3 e 6. Inoltre è molto consigliato in inverno per le sue proprietà antinfiammatorie.
Esistono tantissime varietà: cavolfiore, broccolo, cavolo nero, cavoletti di Bruxelles, cavolo Romano.

Leggi anche: Vuoi stupire i tuoi ospiti con un primo speciale? Prova gli spaghetti al cavolo viola

Con questo trucchetto potrai cucinare il cavolfiore senza impregnare casa

Torniamo alla nota dolente: l’odore nauseabondo che sprigiona durante la sua cottura, un bel problema sulla carta, ma esistono dei modi per ovviare a questa inconvenienza.

cavolo
Il rimedio per quel terribile cattivo odore: prepara il cavolo così (Foto di Matthias Böckel da Pixabay)

Se stiamo cuocendo il cavolfiore con la classica cottura a vapore o in pentola a pressione, un modo per lenire il cattivo odore è inserire nell’acqua delle foglie di alloro, o un cucchiaio di aceto bianco o di latte, o di capperi.
C’è anche un’ulteriore alternativa: ovvero una fetta di pane con la mollica intrisa nell’aceto o nel limone. Tra le varie combinazioni sono efficaci anche la patata e alloro; oppure l’aceto e alloro o anche il latte e alloro.

Leggi Qui: Basta con la solita pasta e cavolfiore! Provala così, siamo sicuri che non riuscirai più a farne a meno

Con la pentola chiusa possiamo mettere vicino alla valvola una tazza di caffè con al suo interno dell’aceto bianco oppure mettere direttamente una fetta di pane sul coperchio, vicino a dove esce il vapore.
L’effetto è doppio se impregniamo la mollica con l’aceto o del limone. Appena conclusa la cottura per attenuare eventuali cattivi odori possiamo disporre sui fornelli una piccola pentola con dell’acqua e dell’alloro e lasciar bollire per alcuni minuti.