Maternità e femminilità: cinque miti da sfatare per una vita serena

Come far conciliare maternità e femminilità: cinque miti da sfatare assolutamente per avere una vita serena, non lo immagineresti mai 

maternità
Maternità e femminilità, falsi miti da sfatare

Diventare madre al giorno d’oggi è davvero impegnativo, non solo per il periodo storico ed economico particolarmente difficile che stiamo vivendo. Ma soprattutto per la distanza sociale, il modo di vivere, di approcciarsi alla vita. L’età media della genitorialità si è decisamente alzata, prima si diventava genitori molto più giovani, mentre adesso si aspettano molti più anni. Le cause sono da ricercarsi sicuramente nell’aumento della disoccupazione, della precarietà e anche dell’allontanamento sociale. Tra l’altro tutti questi fattori hanno iniziato ad influire anche sulla percezione di se delle persone, motivo per cui sempre più aspiranti mamme decidono di abbandonare quest’idea, non sentendosi adatte. Ecco quindi che vogliamo mostrarvi una serie di falsi miti sulla genitorialità, portati avanti negli anni e che hanno alterato e non poco la percezione delle donne dei confronti della maternità. A volte ci si dimentica che una donna prima di essere madre è soprattutto donna, amante, compagna, amica, lavoratrice e tutto ciò che desidera essere.

LEGGI ANCHE: Allattamento, capire se il bambino è attaccato bene: 5 cose da sapere assolutamente

Maternità e femminilità: cinque miti da sfatare per una vita serena

Diventare madre non deve essere una limitazione, quanto piuttosto un valore aggiunto. Spesso si pensa che diventare madre, mettere al mondo un figlio sia limitativo per sé. “Adesso esiste solo il bambino“, spesso sentiamo dire, oppure “Devi pensare solo al bambino, non al lavoro“.  Tutto ciò, non solo è diseducativo, ma anche demotivante e distruttivo. Una donna non è meno donna se diventa madre e non è meno madre se decide di continuare a lavorare o di curare se stessa. Ecco quindi 5 importantissimi miti da sfatare.

  1. L’allattamento: non sempre è semplice e naturale… e soprattutto non lo è da subito. E’ un percorso che va seguito e accompagnato da esperti che possono aiutarvi a trovare la strada più giusta per voi.
  2. Essere una brava madre: essere sempre impeccabile agli occhi di tutti e non aver bisogno di aiuto non fa di voi una brava madre. Può rendervi frustrate e insoddisfatte. Accudire un figlio comporta molte responsabilità, ma ciò non vuol dire che non possiate aver bisogno di aiuto.
  3. Essere amorevole: non sempre proviamo le stesse emozioni e con la stessa intensità. Questo non fa di noi dei mostri, ma delle persone umane.
  4. Rinunce: essere madre non vuol dire rinunciare a tutta la propria vita. Lavorare, avere ambizioni non ci rende meno madri.
  5. Egoismo: pensare solo ed esclusivamente agli altri non ci rende perfette, ma solo infelici.