Sai come usare le fruste della planetaria? Con questi consigli non sbaglierai più

Sai come si usano le diverse fruste della planetaria? Con questi semplicissimi consigli non sbaglierai più, ad ogni impasto il giusto accessorio

Fruste planetaria
Fruste planetaria, sai usarle correttamente?

La planetaria è uno dei robot da cucina più amati e utilizzati, sia da chi nella cucina praticamente ci vive, sia da chi è più inesperto, ma comunque ha il piacere di trascorrerci del tempo. Incredibilmente semplice da utilizzare e anche molto versatile, c’è però da dire che anche nella sua semplicità nasconde delle insidie. Come ogni robot da cucina, deve essere utilizzato nel modo giusto. Al suo interno possiamo preparare davvero qualsiasi tipo di impasto, però, ognuno di questi va preparato con un accessorio diverso. Se pensiamo di poter utilizzare lo stesso gancio per qualsiasi tipo di lavorazione ci sbagliamo di grosso. Facendo così non solo le ricette ci riusciranno male, ma anche la planetaria da incredibile aiutante, diventerà la più inutile dei soprammobili. Ecco perché è davvero importantissimo riuscire a capire che ogni lavorazione ha bisogno dei suoi tempi e dei suoi accessori.

LEGGI ANCHE: Friggere senza olio da oggi è possibile, con la friggitrice ad aria: risultato strepitoso

Sai come usare le fruste della planetaria? Con questi consigli non sbaglierai più

Per chi non lo sapessi, la planetaria non solo è completissima, ma è anche molto semplice da utilizzare, montare, smontare e pulire. E’ dotata principalmente di 3 ganci diversi. Con questi tre ganci possiamo creare davvero moltissime ricette che ci aiuteranno a semplificarci di gran lunga la vita. Quindi cerchiamo di capire nel dettaglio come usare le tre diverse fruste della nostra planetaria. 

  1. Frusta a gancio o uncino: è quella frusta che ricorda la mano finta di Capitan Uncino. Ha delle sfaccettature che l’aiutano ad impastare meglio gli impasti lievitati. Cioè tutti quegli impasti che poi dovranno lievitare, come pani e pizze.
  2. Frusta a filo: questo tipo di frusta è indicata per incorporare aria nei nostri liquidi e semiliquidi. Ottima quindi per montare a neve albumi, panna, i tuorli con lo zucchero ecc.
  3. Frusta Piatta: questo tipo di frusta si utilizza per le lavorazioni di media durezza, quindi tutti quegli impasti che devono comunque mantenersi morbidi. Ad esempio la pasta frolla, pasta brisè, i lievitati ad alta idratazione (sopra l’85%). (Indicata anche per la lavorazione della crema al burro)

Insomma questi sono i consigli principali per non sbagliare più con le fruste della vostra planetaria