Ceretta casalinga: le regole d’oro per un risultato da veri professionisti

Come fare la ceretta casalinga? Scopriamolo insieme seguendo alcuni trucchetti ed accorgimenti per un risultato finale ottimale e senza dolore

ceretta faidate
Aggiungiamo alla ceretta qualche goccia di olio di mandorle dolci per aumentare l’effetto ammorbidente sulla pelle

Rispetto a parecchi anni fa, ormai sono tantissimi i centri estetici a disposizione in tutte le città volte alla depilazione con metodi professionisti e materie prime di qualità. Sempre di più, nell’ultimo periodo, professionisti del settore hanno scelto di specializzarsi nella tecnica, nel giusto metodo e soprattutto, nel rispetto dell’organo più importante di tutti: la pelle. Eppure, tra il lavoro, i figli, la casa a cui badare, le commissioni e le faccende, sembra proprio impossibile prenotare un appuntamento nel nostro salone di bellezza preferito e potremmo dover ricorrere alla ceretta casalinga. Se fatta nel modo giusto, nonostante non ci si affidi ai professionisti, potremo comunque ottenere un risultato finale davvero gradevole, ma bisognerà attuare qualche trucchetto con qualche piccolo consiglio. Scopriamo insieme tutti i dettagli

LEGGI ANCHE: Ceretta faidate: come farla in casa senza alcun dolore con un metodo super efficace

Ceretta casalinga: tutti i consigli per un risultato finale da veri professionisti

Affidarsi ad un professionista è ovviamente la migliore soluzione per ottenere una pelle liscia, curata, morbida e a prova di pelo, ma a volte il tempo a disposizione è davvero poco e non si ha la possibilità di concedersi un momento di relax dal nostro estetista di fiducia. In questi casi, è possibile ricorrere a dei metodi casalinghi, ma bisogna attuare alcuni accorgimenti affinché il risultato finale sia ottimale ed indolore. Ma come procedere?

SEGUICI SU FACEBOOK PER ALTRE CURIOSITA’ 

  • Ceretta a freddo: questa tipologia di ceretta è sicuramente la più facile, soprattutto per tutti coloro che non sono molto esperti. In commercio possiamo trovare già le strisce depilatorie pronte all’uso, ma bisogna conoscere alcuni dettagli affinché siano funzionali ed eseguano correttamente il loro lavoro. E’ sicuramente importante, prima di eseguire qualsiasi tipo di ceretta, esfoliare la pelle almeno un giorno prima e potremo farlo senza alcun problema in casa preparando uno scrub naturale con miele e zucchero, creando una pasta morbida da passare su tutte le zone interessate, per poi risciacquare con acqua tiepida. E’ importante massaggiare la zona interessata subito prima di attaccare la striscia depilatoria, poiché il calore generato dallo sfregamento aiuterà la striscia a compiere il suo dovere ed avere una pelle meno traumatizzata. Sfreghiamo anche le strisce riscaldandole qualche secondo e poi poggiamola sulla zona interessata, pressandola leggermente. E’ molto importante tirare sempre nel senso opposto al pelo e soprattutto, in un unico colpo, poiché i peli potrebbero spezzarsi. Questo tipo di ceretta, inoltre, è perfetta per tutte quelle zone sensibili come inguine e baffetti.

    ceretta casalinga
    Dopo aver applicato la ceretta, massaggiamo la pelle con olio di iperico o di mandorle dolci per lasciarla morbida, vellutata e liscia
  • Ceretta a caldo: questa tipologia di ceretta invece è quella più utilizzata nei centri estetici professionisti, più professionale ma decisamente più difficile da manovrare, soprattutto se siamo alle prime armi. In commercio possiamo trovare dei kit già completi con fornello, stick da sciogliere e palettine con cui distribuire la pasta depilatoria ed il processo di per sé non è poi così complicato. Se non siamo molto pratici, potremmo ricorrere al rullo elettrico, un piccolo distributore di ceretta che mantiene la temperatura costante, impedendoci eventualmente di scottarci. Oltretutto, applicare la ceretta con il rullo permette di garantire una migliore distribuzione della stessa, evitando di lasciare parti scoperte o non depilate. Dopo aver sciolto a dovere la cera, con il rullo o la palettina apposita, poggiarla sulla zona interessata distribuendola con dolcezza nel senso di crescita del pelo. Non dovremo lasciare uno strato troppo spesso, ma neppure troppo sottile. Quando sarà ben distribuita e asciutta, tiriamo in un unico colpo. Questo tipo di ceretta è sicuramente più completo, ma non bisognerebbe mai farla nel caso in cui si soffra di vene varicose, poiché il calore generato non farebbe altro che aumentare la vasodilatazione.