Carnevale: sapevi perché si festeggia? Non lo avresti mai immaginato

Sapevi perché si festeggia il Carnevale e da dove deriva l’usanza di camuffarsi con maschere colorate? Scopriamolo insieme, non lo avresti mai detto

La festa del Carnevale, di origine cristiana, possiamo trovarla non solo in Italia ma anche in altre parti del mondo come ad esempio il Venezuela e Rio de Janeiro. Quanti di voi non hanno mai sentito parlare del famosissimo Carnevale di Rio? Venezia nel nostro stato detiene il primato per la particolarità delle sue maschere e delle storie che lo costituiscono. Festa antichissima, il nome Carnevale deriva dal XIII e risulta l’unione di carnem levare, ovvero levare la carne. Nei giorni che precedono difatti il Mercoledì delle Ceneri, si era soliti preparare carni cotte con sughi e condimenti succulenti e dolci tipici della tradizione. Ma da dove deriva esattamente questa festa e perché si ha l’usanza di travestirsi in tutte le regioni? Scopriamolo insieme

LEGGI ANCHE: Pizza Arlecchino: la ricetta del Sabato di Carnevale che conquisterà i tuoi bambini

Perché si festeggia il Carnevale? Le origini della festa che non avresti sicuramente immaginato

Come appena detto, il Carnevale è il periodo che precedere il Mercoledì delle Ceneri, il primo giorno che segna l’inizio della Quaresima. Durante i quaranta giorni che precedevano la Pasqua, si era soliti non consumare carne e vivere all’insegna della sobrietà, non solo fisica ma anche spirituale. Ecco perché questa festa vede il suo culmine, oltre la sua fine, il Martedì, definito Martedì grasso. Durante questo giorno, tutt’ora ci si riunisce con amici e parenti a gustare i manicaretti preparati da ognuno, a seconda della tradizione regionale d’appartenenza.

SEGUICI SU FACEBOOK PER ALTRE CURIOSITA’

carnevale perché si festeggia
In tempi remoti, durante il Martedì grasso si era soliti mangiare in lussuosi banchetti con carni, vino e dolci al forno

 

Ma quali sono le vere origini della festa? In realtà, si pensa che una forma molto simile al Carnevale venisse festeggiata già nel VIII secolo, in concomitanza con i saturnali, un ciclo di festività appartenenti alla religione  romana. I saturnali erano conosciuti per il ribaltamento dei ordini sociali ed i ruoli gerarchici e si era soliti travestirsi da ricchi se si era poveri o al contrario. Motivo quasi sicuro che ha poi portato a noi la tradizione di vestirsi in maschera con colori sgargianti ed allegri. Tra i vari piatti tipici del Carnevale troviamo senza ombra di dubbio le famosissime Chiacchiere, chiamate anche bugie, le Frappe, delle ciambelle di pasta fritta ricoperte di zucchero e le paste al forno, condite con sughi di carne a lentissima cottura che rendono il tutto goloso e super sfizioso!