Covid o influenza? Come distinguere i sintomi e cosa fare in modo efficace

Con la venuta di Gennaio saranno parecchie le persone a contrarre una consueta influenza stagionale, ma come riconoscerla dal Covid? Scopriamolo insieme

Covid o influenza stagionale? E’ questa la domanda che in tantissimi nel periodo tra Novembre e Gennaio si son chiesti e tutt’ora si chiederanno. Sono parecchi i sintomi in realtà ad essere piuttosto simili tra loro, eppure alcune differenze potrebbero più o meno farci capire se abbiamo contratto il nuovo virus o una forma di influenza dettata dal freddo, sbalzi di temperatura o dal periodo classico di trasmissione.

covid o influenza
A differenza della normale influenza stagionale, chi contrae il covid ha difficoltà a percepire odori e sapori ma ciò non è dipeso da una classica congestione nasale

Ricordiamo che, affinché si possa avere realmente la certezza occorre sempre eseguire un tampone per avere sicurezza di non esser stato contagiato. Scopriamo insieme cosa accomuna i due virus e cosa invece potrebbe aiutarci a distinguerli nei sintomi

LEGGI ANCHE: Copri mascherina faidaté: ti basterà solo questo indumento per dare vita ad un accessorio allegro e divertente

Covid o influenza stagionale? Alcune differenze potrebbero aiutarti a capire se lo hai contratto

I sintomi che generalmente accomunano il Covid con la classica influenza stagionale sono parecchi e tra questi troviamo la febbre altra, spesso al di sopra dei 38°, diffusi dolori muscolari, problemi alle vie respiratorie come tosse e mal di gola compresa la congestione nasale, debolezza e fiacchezza. Sintomi che potrebbero mandarci piuttosto in confusione proprio perché sono tantissime le persone che avendo contratto il virus, affermano di aver sofferto proprio di questi disturbi, eppure il Covid differisce in alcune peculiarità.

SEGUICI SU FACEBOOK PER ALTRE CURIOSITA’ 

A differenza della normale influenza, coloro che hanno contratto il virus Sars-Cov-2, hanno parecchie difficolta nel percepire gli odori ma ciò non è dipeso da raffreddore o naso che cola. In più, anche i sapori tendono ad essere quasi inesistenti, non distinguendo l’amaro dal dolce o dall’aspro, ciò che invece avviene anche durante lo stato di classica influenza. Mentre l’influenza ha periodi di incubazione abbastanza brevi(circa 2-3 giorni) con il Covid il periodo potrebbe allungarsi addirittura sino ai 5 – 6 giorni. Le tossi presenti nelle influenze sono generalmente grasse e corpose, mentre quelle generate dal Coronavirus tendono ad essere molto secche, persistenti e dure. Rimane comunque l’obbligo morale di chiedere un tampone per accertarsi di non aver contratto il virus, di non recarsi in centri ospedalieri o pronto soccorso e di non uscire di casa sin quando non si avrà avuto la certezza totale di avere una comune influenza.