Cosa fare quando cade un dentino: i rimedi antichi della nonna dal successo assicurato

Quando cade il primo dentino da latte dei nostri bimbi, siamo sempre emozionati, ma alcuni rimedi della nonna potrebbero fare al caso nostro per lenire il fastidio

Uno dei tanti momenti emozionanti per un genitore è quello di vedere la caduta dei dentini dei propri figli. E’ simbolo di crescita, il nostro piccolo sta diventando sempre più grande e presto non ci troveremo più un bimbetto vispo e bassino giocare per casa, ma un ometto più alto e decisamente più adulto. Generalmente i dentini da latte cadono a partire dai 5 anni sino ai 12/13. La formazione di quelli permanenti spinge la radice verso il basso permettendo loro di staccarsi naturalmente per poi prendere definitivamente il loro posto. Difficilmente questo processo reca dolore, eppure i fastidi potrebbero essere parecchi. Scopriamo insieme alcuni rimedi antichi della nonna per lenire il “dondolamento“.

LEGGI ANCHE: Il tuo bebè sta bene? Scoprilo dal colore della sua pupù, non lo avresti immaginato

Come lenire il fastidio del dentino che sta per cadere: i rimedi della nonna più efficaci

I denti da latte tendono a cadere autonomamente e non recano mai dolore, ma a volte potrebbero faticare a rilasciare la gengiva e si potrebbe incorrere ad un po’ di sanguinamento. Va da sé dire che il dente non dovrebbe mai essere forzato nella sua fuoriuscita, quasi sempre è il bambino stesso che con la lingua tende a stuzzicarlo ritrovandoselo poi improvvisamente in bocca. In quel caso, la fata dei dentini durante la notte lo preleverà lasciando al piccolo una moneta da mettere in salvadanaio. Ma sono tantissimi i rimedi della nonna che possono venire in nostro aiuto ed alcuni di questi sono efficacissimi. Vediamo in particolare quali sono:

dentino rimedi nonna
In alcuni paesi del Sud vi è la tradizione di conservare in una scatola di latta i dentini caduti e farli poi rivedere ai figli quando sono diventati adulti

SEGUICI SU FACEBOOK PER ALTRE CURIOSITA’ 

  • Sciacqui con infuso di camomilla e chiodi di garofano potrebbero aiutare il bambino a lenire la sensazione di fastidio data dal “dondolamento” del dente e ridurre un eventuale rossore della gengiva.
  • Se il dente sta quasi per cadere ma il bambino prova davvero troppo fastidio possiamo sciogliere in un po’ d’acqua del bicarbonato, bagnare una garza con la lozione ed afferrare il dente, roteandolo leggermente per poi tirarlo. 
  • Se dopo la caduta del dente vi sono alcuni rivoli di sangue, si potrà sciogliere 1 cucchiaio di zucchero in 1/2 bicchiere di vino rosso, facendo eseguire al bambino degli sciacqui come fosse collutorio( stiamo attenti a non lasciare ingerire il vino!).
  • Chiediamo al bambino, una volta caduto, di non fare pressione sullo spazietto vuoto della gengiva, poiché al lungo andare il dente nuovo e permanente potrebbe avere qualche problema a fuoriuscire nel migliore dei modi.
  • Infine, una cura costante dei denti potrebbe far sì che il dentino venga via da solo. Spazzolando i denti, la pressione esercitata dallo spazzolino potrebbe farlo cadere. Se invece il vostro bambino per sbaglio dovesse ingerirlo, non preoccuparti, lo manderà sicuramente via con le feci senza alcuna problematica.