A tavola con i tuoi ospiti devi fare attenzione a questo gesto scaramantico: chi lo fa sarà sfortunato

Attenzione a non compiere questo gesto scaramantico a tavola con i propri ospiti: chi lo farà sarà sfortunato!

Capodanno è ormai alle porte e siamo pronti per festeggiare insieme ad amici e parenti l’arrivo del nuovo anno. Come siamo soliti fare secondo la tradizione, in questo giorno importante in cui si festeggia portando in alto i calici, ci concediamo un cenone appetitoso servito alla nostra tavola imbandita in compagnia dei nostri cari.

cibo e superstizioni
Superstizioni a tavola – Mammastyle

Come per le festività natalizie, anche quella del 31 Dicembre è un’occasione per trascorrere del tempo con chi si ama. Tuttavia, la fine del vecchio e l’inizio del nuovo anno richiama in noi la forte speranza che tutto nel 2023 proceda per il meglio. A questa speranza seguono gesti scaramantici utili a propiziarci la fortuna e ad allontanare la sfortuna. In questo caso però, parliamo proprio di sfortuna e cattiva sorte. Nelle nostre vite e quelle altrui alla fortuna affidiamo un ruolo marginale, tuttavia un pizzico ci crediamo e così siamo portati a compiere gesti che siano di buon auspicio per fare in modo che la buona sorte ci assista nelle nostre ardue imprese. Se parliamo di gesti scaramantici legati alla tavola, beh potremmo elencarne diversi. Uno di questi è quello di far cadere l’olio o di passare il sale. Ma forse non sai che c’è un altro gesto che non bisognerebbe compiere quando si è a tavola: chi lo fa sarà sfortunato!

Se lo fai porta sfortuna: un gesto che a tavola non devi mai compiere

Di superstizioni legate al cibo ed alla tavola come abbiamo detto poc’anzi ce ne sono tantissime. Diffuse in tutto il mondo, a queste si da sempre un briciolo di credibilità. D’altronde, è una storia secolare che l’uomo faccia riferimento anche alla fortuna e cerchi di propiziarsela in ogni modo. Per questo motivo, c’è chi tende a stare molto lontano da quei gesti che possono apparire innocenti ma che ai loro occhi possono essere considerati portatori di sfortuna e sventure. Uno di questi è legato al cibo in tavola. Ora che ci apprestiamo ad accomodarci a tavola insieme ai nostri parenti faremmo quindi bene a stare attenti dal non compiere questo gesto: mai mettere il pane capovolto in tavola o servire il pane capovolto all’altro! Il motivo è presto spiegato.

pane
Non mettere il pane capovolto a tavola – Mammastyle

Perché non si mette il pane capovolto in tavola: la storia

Si tratta di una superstizione religiosa in quanto il pane era ed è inteso come il ‘Corpo di Cristo’ e pertanto servirlo capovolto era un vero e proprio atto blasfemo che si è tramutato negli anni come un gesto che facesse intendere l’arrivo di un evento sfortunato. Oltre questa spiegazione legata al contesto religioso, ne ritroviamo però un’altra che ha invece una derivazione storica.

Per comprenderla però dobbiamo andare più indietro nel tempo e giungere circa al 1400, precisamente nella Corte Francese. All’epoca in Francia a comandare era il Re Carlo VII. Questi, è passato alla storia per essere stato un Re non solo vittorioso ma anche molto severo, soprattutto a causa della politica di terrore e dalla diffusione della pena di morte. Durante il periodo che lo vide attivo come Re, la figura del boia acquisì notorietà. Di fatti, veniva concesso lavoro anche a cittadini comuni che nulla avevano a che fare con il Regno o con le armi. Questi, incaricati dal Re avevano l’ordine di procedere alle esecuzioni mortali. I cittadini cominciarono così ad avere timore di queste figure ed i panettieri per ribellarsi a quanto vedevano accadere, servivano ai boia delle pagnotte realizzate con ingredienti di qualità più scarsa. E per far intendere ai cittadini che quello era il pane riservato ai boia, riponevano quelle pagnotte li al contrario, cioè capovolte.