Puoi perdere 3 o 4 chili senza dieta: incredibile ma vero, fallo subito e resti stupita

A volte mettersi a dieta non significa dover smaltire un numero elevato di chili. Magari bastano 3/4 e non di più. Ecco come fare.

Non sempre, quando ci si mette a dieta, l’obiettivo è quello di perdere molti chili. Magari si è dovuto affrontare un lungo periodo di stress o di molta sedentarietà, o un tardare pranzo e cena nel weekend che, secondo una ricerca, possono comportare un lievitare del peso, fino a 4 kg.

perdere 3-4 chili senza fare la dieta
dimagrire senza dieta: come perdere 3/4 chili di troppo -mammastyle.it

Chili, dunque, che si possono smaltire facilmente, senza dieta, come spiega a Il Fatto Quotidiano il biologo nutrizionista Gabriele Buracchi. Essenzialmente, secondo l’esperto, il problema va visto da due prospettive. Il primo è quello che è importante prendere abitudini molto regolari, come quella di non mangiare troppo tardi la sera, che comporta l’assorbimento di nutrienti proprio quando a breve si andrà a dormire.

Altro fattore che comporta il rischio di aumentare di peso è quello di dormire poco rispetto a quanto si necessiti. Ciò, infatti, rallenta il metabolismo. Altra questione è quella di seguire un’alimentazione equilibrata e poi allenarsi nel modo giusto. A colazione, ad esempio, meglio evitare il pane, secondo l’esperto, se non è integrale, perché ad elevato contenuto glicemico. Ergo, meglio mangiare frutta.

Perdere 3/4 chili senza dieta: i consigli dell’esperto

Per quanto concerne l’uso del caffè, bevanda assunta frequentemente soprattutto da noi italiani, l’esperto consiglia di evitarlo se zuccherato. Invece, se si beve caffè amaro, la caffeina potrebbe incentivare un lieve aumento del metabolismo, anche se meglio non oltrepassare 3/4 tazzine ogni giorno.

Non serve fare la dieta in questi casi
Perdere chili senza dieta: ecco come fare – mammastyle.it

In tema di zuccheri, l’esperto consiglia di evitare zucchero bianco aggiunto, saccarosio, perché incide sia sull’aumento di peso, che su altre problematiche. A pranzo, il dottore consiglia carboidrati, proteine e grassi buoni, tra cui l’olio evo. Dare maggior spazio al consumo di frutta e verdura, prediligere proteine di tipo magro, tra cui soia, legumi.

Porre attenzione a grassi trans che si trovano nei prodotti da fast food e in diversi confezionati. E ora passiamo alla questione cena: in merito a ciò, il biologo nutrizionista spiega che se dopo 2/3 ore da quando si è cenato ci si reca a letto, meglio stare leggeri e diminuire le quantità rispetto al pranzo.

Inoltre, se si hanno chili eccessivi da smaltire, potrebbe essere bene, un paio di volte a settimana, fare un digiuno intermittente 8/16, che va ad incentivare la perdita di peso. E poi, non dimenticare di allenarsi, come camminare 5 km al giorno correndo per qualche tratto, oppure mixando esercizio aerobico e anaerobico.

Impostazioni privacy