Tabelline: serve o non serve impararle?

tabellineCi sono tante cose nella vita che dobbiamo imparare e, inutile negarlo, buona parte di queste ci vengono insegnate a scuola. Una di queste è sicuramente la matematica che, con le sue regole e le sue formule, anima i pomeriggi degli studenti, talvolta con esiti felici talvolta con meno successo. Croce e delizia dei giovanissimi studenti di matematica sono le tabelline sulla cui utilità se ne discute (di nuovo) da qualche tempo in Gran Bretagna.

Vediamo i pro e i contro dell’imparare le tabelline

Da una parte c’è chi sostiene che sia inutile apprenderle e che, anzi, imporre di imparare a memoria un qualcosa di così ostico non faccia bene ai bambini che rischiano di nutrire sin da piccoli un’avversità nei confronti della matematica.

Di contro c’è chi, invece, ritiene che le tabelline siano importanti ed essenziali per poter imparare la matematica e che possano essere tranquillamente paragonate all’alfabeto: così come anche uno scienziato deve sapersi esprimere correttamente in italiano, anche chi nella vita non farà il matematico non può non conoscere le tabelline.

Come in gran parte delle cose, non c’è univocità di pensiero in materia, ma rimane indubbio che imparare le tabelline sia una delle cose più importanti della scuola primaria: impararle con metodo, focalizzando l’attenzione più sul meccanismo matematico che su quello mnemonico è sicuramente una buona idea.

Un altro consiglio per noi mamme alle prese con numeri e calcoli è quello di cercare di dedicarci con passione e interesse alla “causa”, evitando di trasmettere un senso di noia e indifferenza al bambino che, altrimenti, non può che rimanere negativamente impresso dalla materia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto