Sì saldi, no capricci! Cinque consigli per uno shopping senza “frigne”

bambola-shoppingFinalmente è tempo di saldi ed è arrivato il momento per dare la caccia a quel modello di scarpe che ammiri in vetrina dall’inizio della stagione. Sei pronta a conquistare l’affare e a cambiare il guardaroba, sei carica e hai anche risparmiato un po’, così da poterti finalmente sbizzarrire in una giornata di shopping terapeutico… ma i bambini? I negozi stracolmi, il rumore, le code alla cassa possono diventare un incubo se i più piccoli decidono che è giunto il momento di un capriccio. La soluzione non è certo rinunciare allo shopping, ma mettere in pratica qualche semplice consiglio per calmare il piccolo e godersi la giornata di svago in sua compagnia trasformandola magari in un’esperienza piacevole per entrambi.

Ecco alcuni consigli per goderti i saldi con il tuo partner

1. Pensa alla sua comodità: prima regola base per un giro per negozi senza crisi familiari è che tutti si sentano comodi e a proprio agio. Così come tu scegli le scarpe che non ti stringono e ti permettono di fare lunghe camminate senza vesciche ai piedi, così anche il bambino deve essere comodo e vestito in modo confortevole. Nei negozi ricordati di spogliarlo o coprirlo in base alla temperatura e cerca di non obbligarlo a lunghe scarpinate: la stanchezza è il primo passo verso il capriccio, quindi portalo in braccio per parte del tragitto; se invece opti per il passeggino, ricorda che ogni tanto sentirà comunque il bisogno di sgranchirsi un po’.

2. Scendi al suo livello: immagina per un secondo di avere la stessa altezza di tuo figlio e di guardare il negozio affollato di cacciatrici di saldi; cosa vedi? Una foresta di gambe di gente sconosciuta, un caos del tutto nuovo, senza punti di riferimento e, per giunta, le tue orecchie sono inondate da una musica assordante e dal brusio che fanno tutte quelle persone. Semplicemente spaventoso, non trovi? Ecco, per il bambino quello che per te è un momento di svago può essere un incubo. Sta a te evitarlo e ti basta davvero poco: parla con lui, ogni tanto abbassati e guarda il mondo dalla sua prospettiva, canticchia insieme a lui una delle sue canzoncine preferite; tutto ciò che gli consente di percepire la presenza della sua mamma servirà a tranquillizzarlo.

3. Coinvolgilo: passare tutta la giornata seduto mentre gli adulti fanno acquisti è forse una delle esperienze più noiose per un bambino, a meno che non venga coinvolto attivamente. Fatti aiutare a scegliere il colore di quel maglioncino in saldo, a riporre gli acquisti nel sacchetto o a porgere i soldi alla cassiera. Rendilo partecipe.

4. Trasforma lo shopping in una gita: un giro per negozi può essere l’occasione per vedere cose davvero interessanti agli occhi di un bambino. Le vetrine sono piene di pupazzi a tema invernale, per le strade ci sono ancora le luminarie e i centri commerciali sono spesso luogo di animazioni a tema. Fagli notare tutto ciò che troverete sul vostro cammino, come se si trattasse di una gita appositamente pensata a tale scopo; all’interno dei negozi, ogni tanto prendilo in braccio e fagli vedere cosa c’è sugli scaffali e sul bancone. Per lui sono tutte piccole e straordinarie esperienze nel mondo dei grandi.

5. Loda il suo comportamento: la cosa peggiore che puoi fare, lo avrai capito, è trascinare il bambino da un negozio all’altro curandoti solo della corsa ai saldi. In fondo, ti sta accompagnando e fino ad ora è stato buono e paziente nonostante il caos, le luci, i rumori e la frenesia della gente che rendono un po’ nervosi anche gli adulti, figuriamoci i bambini. Riconosciglielo; digli quanto è bravo, fagli dei grandi sorrisi, rivolgiti a lui con dolcezza, come quando porta a termine un compito a casa e vuoi dimostrargli quanto sei fiera di lui; potrà così associare lo shopping ad un riconoscimento positivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto