Rivalità e gelosia tra fratelli secondo le età

gelosiaIn un mondo ideale i fratelli e le sorelle dovrebbero andare d’accodo perché spesso si tende a dire di una buona amica: «è come una sorella per me», ma nulla c’è di più falso! I nostri figli non fanno altro che litigare tra loro per mille motivi e questo ci mette a dura prova. Spesso, prima di trovare un buon equilibrio tra fratelli e sorelle, devono passare degli anni. Non è neanche raro che si crei gelosia tra fratelli e sorelle si allontanino sempre di più, vivendo due vite parallele ma separate, come due estranei o quasi, senza mai aver sviluppato delle affinità comuni. Molti fattori entrano in gioco quando si tratta di capire e valutare le differenze in base al sesso o all’età: soprattutto il sesso e la differenza di età hanno infatti un’importanza fondamentale.

Di seguito sono elencati i periodi più cruciali dove i conflitto e la gelosia tra fratelli è più marcata

Prima dei 7 anni

Un bambino di questa fascia di età non capisce ancora che i giochi o i libri possono essere prestati e che dopo gli saranno restituiti. Quindi vive male l’idea di condividere le sue cose, è egocentrico ed egoista e se qualche fratello gli prende dei giochi può avere delle crisi di rabbia anche forti.

Fra i 7 e i 10 anni

Questo è il periodo delle fatidica frase «Non sei più mio amico se…», frase che viene pronunciata per ogni piccola contrarietà che si manifesta. Appena il bambino raggiunge l’età della ragione si cerca di spiegargli che non bisogna essere così egoisti e concentrati e attaccati alle proprie cose ma così facendo, svilupperà quindi altri modi per esprimere le sue contrarietà.

Tra i 10 e i 14 anni

I ragazzi possono ora cercarsi e poco dopo litigare violentemente. Questa fascia di età presenta grandi cambiamenti per la crescita e quindi anche conflitti interiori ed esteriori. A volte si litiga perché si è alla ricerca della propria personalità che nell’adolescenza inizia a formarsi. Sarebbe una buona cosa rimanere il più lontani possibile da questi conflitti e gelosia tra fratelli e sorelle e intervenire solo se non se ne può fare a meno.

Dopo i 14 anni

Da questa età, il ragazzino diventa adulto. Svilupperà e rafforzerà dei principi etici e morali che gli avete trasmesso da quando era piccolo. In questo periodo, in cui ormai è un adulto, al contrario di suo fratello o sorella che sono ancora piccoli, possono svilupparsi dei conflitti ma abitualmente dovrebbero durare solo per poco tempo.

TRUCCHI PER ATTENUARE I CONFLITTI
  • Cercate di dedicare del tempo ad ogni vostro figlio, in maniera individuale e personalizzata. Ognuno si sentirà al centro dell’attenzione, senza le interferenze e gelosia tra fratelli e sorelle e lo rassicurerà sul proprio ruolo in famiglia. Non è importante passare delle intere giornate insieme ma è importante la qualità del tempo che passerete con loro.
  • Non forzate mai il più grande ad interessarsi del più piccolo. Lo farà a tempo debito se lo vorrà fare ma costringerlo peggiorerà solo le cose.
  • Non lasciate mai da soli il vostro primogenito con il più piccolo perché, anche se in modo non consapevole, potrebbe fargli del male per scaricare la sua rabbia.
  • Quando arriva un fratellino, di solito anche chi viene a trovarvi ha solo regali e complimenti per l’ultimo nato. Dovete cercare di evitare situazioni così pesanti per il maggiore. Potreste elogiarlo per le sue qualità davanti agli amici e parenti in visita e fargli a sua volta dei regali.
  • Lasciate che il fratello maggiore vi aiuti nella cura del più piccolo cercando un gioco o aiutandovi in qualcosa di pratico come il bagnetto o il cambio pannolino.
PER I FIGLI GRANDICELLI
  • Cercate che siano loro a risolvere i conflitti, senza prendere le parti di uno o dell’altro.
  • Non sgridateli senza avergli dato il tempo di chiarirsi da soli.
  • Non cercate di capire chi abbia iniziato perché non fareste che aumentare la tensione tra loro.
  • Stabilite delle regole chiare su ciò che non è concesso fare in ogni caso come per esempio usare la violenza verbale o fisica.
  • Non tollerate mai degli atteggiamenti aggressivi.
  • Spingete a risolvere i conflitti e la gelosia tra fratelli parlandone, spiegandosi piuttosto che litigando. Non funzionerà sempre ma il messaggio che passerete, lo faranno loro anche per altre questioni future.
  • Dategli da fare un compito da svolgere insieme come pensare alla spesa o alla cena, dover portare a buon fine la missione favorirà l’unione tra loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto