Quando e come togliere il pannolino: consigli pratici

vasinoAccudire un bambino ogni giorno è un’impresa ardua sopratutto per una neomamma e tra la moltitudine di eventi delicati che si verificano durante il percorso di crescita, c’è senza dubbio un’altra fase importante dedicata al fatidico momento dello spannolinamento, ossia l’eliminazione del pannolino. L’inizio di questa particolare fase avviene in concomitanza con la capacità del piccolo di acquisire il controllo degli sfinteri, che solitamente avviene a partire dai 18 mesi fino ai 30 mesi circa, salvo eccezioni, visto che ogni bambino è diverso dall’altro e può capitare che questa momento si manifesti prima oppure dopo un certo periodo di tempo. Quando il bimbo avverte il controllo sfinterico, possono sorgere alcuni problemi, visto che il momento dei “bisognini” nel wc o nel vasino può anche essere traumatico se non si adottano i giusti comportamenti. A tale proposito vediamo assieme alcuni pratici consigli per togliere il pannolino in modo facile e sereno.

  • La prima cosa da fare è quella di trovare il periodo in cui siete più tranquille e serene possibili, visto che occorre avere anche molta pazienza, così eviterete il rischio di trasmettere ansie e paure a vostro figlio durante questo delicato momento. Il periodo estivo risponde in modo più adeguato all’eliminazione del pannolino, in quanto con il caldo, il bambino ha meno indumenti addosso e i capi possono essere lavati e asciugati facilmente. Se lavorate, fate in modo di prendervi almeno una settimana libera per procedere giornalmente ad abituare il bimbo a fare i suoi bisogni nel vasino o nel water, lasciandolo meno tempo possibile con il pannolino durante la giornata.
  • E’ buona norma introdurre la presenza del vasino agli occhi del piccolo a partire dai 18 mesi, in modo da iniziare a fargli prendere una certa confidenza così che, incuriosito, inizierà ad utilizzarlo come un gioco.
  • Pian piano, durante la bella stagione e con l’arrivo dell’estate, togliete il pannolino al bambino e spiegategli serenamente che quando sente il bisogno di fare la cacca e la pipì deve sedersi sul vasino con la raccomandazione di avvisarvi quando ha finito.
  • Evitate di insistere e non abbiate fretta. Accompagnatelo vicino al luogo che si è scelto per mettere il vasino, che non necessariamente deve essere il bagno, almeno in questa prima fase. I bambini sono abitudinari, quindi abituatelo a sedersi sul vasino dopo i pasti. Ricordate che qualche incidente di percorso può capitare (ad esempio, può capitare che la pipì fuoriesca prima di arrivare al vasino), non allarmatelo ma rassicuratelo con calma.
  • Premiatelo e incitatelo sempre se riesce a compiere l’impresa di fare da solo i suoi bisogni nel vasino oppure vi informa di accompagnarlo in bagno.
  • Il controllo delle feci è un po’ più difficile ma in sostanza si può provare a farlo stare seduto sul vaso durante l’orario in cui solitamente sente il bisogno, verificando con quale frequenza il vostro bimbo avverte lo stimolo di andare in bagno.
  • Non fategli bere troppa acqua prima di andare a nanna e assicuratevi che faccia la pipì prima di andare a letto. Sopratutto nei primi giorni, mettete sul materasso un lenzuolino cerato, in previsione che al piccolino capiti di fare la pipì a letto.

In conclusione, togliere il pannolino al bambino non sempre si rivela facile, ma sicuramente, se cercate di creare un’atmosfera tranquilla e piacevole senza stress e tensioni, l’impresa si rivelerà molto più semplice di quello che pensate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto