Paura del dentista: consigli per i genitori

paura del dentistaSuperata la paura degli estranei, quella del buio ecco che una nuova minaccia si affaccia all’orizzonte per molti bambini: la paura del dentista. Verso i 6 e 7 anni i bambini iniziano a frequentare lo studio dei dentisti e, generalmente, la prima volta va tutto bene, poi iniziano i dubbi, le perplessità che, in un crescendo, possono diventare delle vere e proprie paure.

Paura del dentista: come affrontarla

Diciamo che, oggi come oggi, si tratta di una paura di natura psicologica: le terapie che e le operazioni che i dentisti eseguono sui nostri figli sono spesso indolore e gli ambienti sono molto accoglienti e informali.

Da dove potrebbe, quindi, nascere questa paura del dentista? Molto spesso, senza che ce ne accorgiamo, siamo noi stessi a instillare nei bambini le nostre paure, con atteggiamenti contriti, espressioni che non sono neutre, ma contengono sfumature di angoscia. L’importante, quindi, è di tenere noi per primi un atteggiamento positivo verso questa figura professionale, controllando il linguaggio che adoperiamo e facendo vivere la visita dal dentista come un appuntamento ordinario.

Evitiamo, ad esempio, di esordire dicendo “tanto non sentirai dolore”: il bambino non sa che cosa accade dal dentista e nemmeno può immaginare che sentirà dolore. Con una frase del genere, siamo noi per primi a insinuare il dubbio che, crescendo, può diventare una paura legata al dolore e alla sofferenza di una visita dentistica. Un altro suggerimento è quello di non vivere con preoccupazione, sin dai giorni precedenti, l’appuntamento, ma di organizzare il nostro tram tram quotidiano inserendo – fra le altre cose – anche la visita.

Basta poco, in definitiva, per vivere con serenità la visita dal dentista: provare per credere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto