Orti didattici, che progetto vincente per i bambini

orti didatticiL’anno scolastico sta ormai volgendo al termine ed è inevitabilmente tempo di bilanci. Oltre ai voti e alle verifiche, salgono sul banco degli imputati anche i progetti promossi all’interno delle scuole che i nostri figli frequentano. Con sempre maggior frequenza, troviamo fra questi gli orti didattici, ovvero delle esperienze a diretto contatto con la natura che vedono impegnati i nostri figli in un percorso di crescita e scoperta.

Orti didattici: natura, emozioni e non solo

I progetti che afferiscono gli orti didattici hanno vissuto un boom negli ultimi anni: complice la crisi economica, complice il rinnovato amore per il mondo bio e naturale non sono solo le famiglie a riscoprire il lavoro della terra, ma anche le scuole.

E, quindi, ecco che vengono promossi molti progetti per gli orti didattici: la magia del seme piantato che piano piano cresce non ha tempo, così come il prendersi cura delle eventuali malattie delle piante, dei loro ritmi e, infine, del raccolto dei frutti.

Oltre a un contatto più intimo con il mondo naturale e con i suoi ritmi, gli orti didattici permettono ai bambini di responsabilizzarsi, di scoprire l’importanza di saper aspettare (un seme non germoglia in cinque minuti!) e anche di collaborare fra di loro.

Non è un caso che, spesso, siano promossi progetti trasversali fra le varie età dei bambini che vedano i più grandi impegnati a insegnare ai più piccoli i lavori di giardinaggio. Insomma, semplici, ma intensi e vincenti gli orti didattici sono un vero successo nelle scuole di oggi e, c’è da scommetterci, saranno sempre più in voga anche nei prossimi anni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto