Musei per bambini: ecco cosa visitare a Milano e Roma

equilibrio_in_pista_01-e1384180233903Una gita a Milano e Roma per visitare originali musei a misura di bambino. A Milano ha recentemente aperto il Museo dei Bambini (www.muba.it) che si trova all’interno della Rotonda della Besana. Ogni anno questo spazio ospita tre grandi mostre e diversi laboratori per famiglie, un bookshop con una scelta di libri molto curata e giochi interessanti per bambini. Rompete le righe, per esempio, è un libro in cui si esaltano le disobbedienze necessarie per la crescita  dell’individuo quanto le più convenzionali regole che la famiglia, la scuola e la società ci impongono fin dalla più tenera età.
È la storia di un gruppo di lettere dell’alfabeto che stanche della solita vita ben ordinata sulle righe del quaderno si lasciano andare al divertimento rompendo le righe. Le pagine finali sono in bianco così ognunopuò inventare un gioco letterario.

All’interno anche la caffetteria Rotonda Bistrò con le specialità for kids. Un esempio di una delle tante attività proposte per i bambini? Il laboratorio Scatole che torna dal primo maggio fino al 16 giugno perché ha ottenuto un grande successo e quindi si è pensato di riproporre questa mostra gioco per bambini dai 4 anni agli 11 sulle scatole. Tale attività dura 75 minuti e ci sono diverse possibilità durante la settimana o nei weekend ma è consigliabile prenotarsi in anticipo.

A Roma invece si trovano due interessanti musei: Explora, Il Museo dei Bambini e Technotown. Il primo (www.mdbr.it) non propone visite guidate perché si sostiene una scelta autonoma fatta dai bambini in base ai loro interessi. I piccoli ospiti possono andare a zonzo per due ore in una città a misura di bambino, tra edifici come banche, supermercati, uffici, le poste, orti, aree attrezzate dove si deve e si può toccare tutto per giocare e sperimentare.

Technotown (www.technotown.it) è una ludoteca scientifica destinata ai ragazzi tra gli 8 e i 17 anni, dove è possibile partire per un viaggio intergalattico tra pianeti, recitare all’interno di un vero set cinematografico o programmare, costruire robot. C’è anche una sala dove è possibile “vedere” la musica con le vibrazioni e la lunghezza d’onda.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto