Manie nei bambini: come comportarsi?

manie nei bambiniC’è chi si succhia il pollice e chi, invece, preferisce giocare con i capelli, per non parlare di quelli che tendono a mettere tutto in ordine secondo un certo criterio: piccole o grandi che siano le manie nei bambini sono una cosa piuttosto ricorrente e spesso fonte di preoccupazione per i genitori che si chiedono se sia il caso di intervenire oppure lasciar correre.

Manie nei bambini: per lo più sono transitorie

Nei bambini dai 4 o 5 mesi circa e fino ai 3 anni è in corso il processo di distacco dalla madre: in questo arco di tempo i bambini imparano a sentirsi dei soggetti autonomi e a distaccarsi gradualmente dalla madre. Tuttavia, il distacco comporta anche dei momenti di carenza della figura di riferimento, la mamma, che viene compensata con il ricorso ad altri oggetti, quali un oggetto transizionale ovvero dei riti, dei comportamenti ripetitivi (le manie) che possano tranquillizzarlo e placarlo dall’ansia della mamma che manca.

In genere, si tratta di comportamenti transitori che tendono a scomparire con l’avanzare dell’età e con il superamento del periodo più difficile del distacco.

Gli esperti sono poi concordi che sia buona norma assecondare queste manie, in quanto man mano cresce e man mano migliora la propria autostima e la propria sicurezza il bambino tenderà da solo a dimenticarsi delle fisse e degli oggetti transizionali.

In questi casi, quindi, il consiglio è di portare pazienza e di attendere che il bambino rimuova da solo il comportamento ripetitivo o la sua fissazione per qualche oggetto particolare.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto