Mammo per un giorno: l’esperienza di Brad Keans

mammoNell’Italia del 2016 i papà che si prendono cura della famiglia fanno notizia, ma non più scalpore. Sdoganato il lavoro di mammo, sono sempre di più gli uomini che, sia a tempo pieno che a tempo parziale, decidono di dedicarsi alla cura della famiglia, più o meno volontariamente.

Allora, cosa ha di straordinario il racconto di Brad Keans, giovane papà 27enne che nei giorni scorsi ha pubblicato su Facebook la sua esperienza di mammo?

Brad Keans, mammo per un giorno (e mai più!)

Probabilmente, la sua veritiera descrizione della dura vita delle mamme da parte di chi, improvvisamente, ci è trovato dentro.

Già, perché passare dalla comoda scrivania che, per 40 ore alla settimana, ti libera dagli oneri domestici alla trincea fatta di pianti, strilla, merende da preparare e notti insonni è più che traumatico.
Ed ecco, quindi, che molta disinvoltura Brad ha raccontato cosa ha provato a prendersi cura dei suoi due figli, di 6 mesi e 6 anni, mentre la moglie soffriva di una lieve sofferenza epatica.

La storia si fa leggere, strappa qualche sorriso e, non di meno, ci riempie d’orgoglio: hai visto mai che quel lavoro che svolgiamo silenziosamente, tutti i giorni viene finalmente riconosciuto come usurante?

Brad rappresenta il papà tipico che, chiamato a scendere in prima linea, scopre quale duro lavoro ci sia dietro il nutrire, cambiare, coccolare, viziare, ascoltare i figli. In una parola crescerli.

E quanto sollievo ci possa essere a fine giornata nel sentire il silenzio che regna sovrano e domina la stanchezza, mista a felicità, di una (dura) giornata trascorsa con i propri figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto