Mamme distratte al volante: ecco i motivi principali

resizepicture.phpMentre si guida si dovrebbe essere concentrati al massimo e soprattutto quando si hanno in auto dei bambini. Le donne, si sa, spesso vengono accusate di non essere brave e abili come i maschietti nella guida dell’auto ma forse ci potrebbe essere anche un motivo: sono soprattutto le donne che scarrozzano i bambini durante la giornata per portarli alle varie attività extra-scolastiche o ad eventuali visite mediche. E i bambini? Loro, in auto, sono la più grande causa di distrazione. Come? Semplicemente perché la loro energia vitale si fa sentire anche quando siamo alla guida e portano spesso una mamma a distrarsi col rischio di fare incidenti. Non si tratta di cattive abitudini come rispondere al cellulare o fumare mentre si è alla guida ma di distrazioni dovute al fatto che una mamma non è multitasking e quindi non può riuscire ad avere tutto sotto controllo.

Mangiare in viaggio

Spesso per far stare calmi i piccoli mostriciattoli si pensa che il cibo possa venirci in soccorso ma attenzione! Se state guidando e con una mano cercate la cioccolata che avete nella borsa accanto o la merendina comprata da poco che è finita sotto il sedile, può capitare che siate troppo distratte e intente nella ricerca da non accorgervi che l’auto davanti sta frenando bruscamente…

Il ciuccio o succhiotto

Se il bimbo è piccolo, quasi sicuramente avrà il suo ciucci o o succhiotto ben stretto in bocca ma se si addormenta, questo può cadere. Ancora una volta la distrazione nasce dal fatto che con una mano guidate e con l’altra cercate il ciucci o dappertutto.

Troppo silenzio

Se vi accorgete che da dietro le vostre spalle c’è uno strano silenzio sarete tentate di girarvi per guardare cosa sta accadendo. Il silenzio per tutte le mamme è talmente sospetto che fa quasi più paura delle urla che si levano di solito quando un bimbo fa i capricci o litiga con il fratello. Attenzione! Può costare molto caro il gesto di girarsi e perdere il controllo della strada!

Troppo rumore

Così come il silenzio anche le continue urla possono infastidire una provetta autista fino al punto che il nervosismo fa perdere la calma e la concentrazione. “Mamma, mi ha picchiato! NOOOO! Non ho fatto nulla! AHIA! Sgridalo!”, in mezzo al traffico delle 17, al suono della radio che vorreste sentire, iniziate ad urlare disperate e tutto questo vi distrae dalla guida.

Un rumore sospetto

Un semplice: OH! vi porta subito a chiedere: “che succede lì dietro?”. Se alla vostra domanda però, segue un silenzio perché il bimbo ritiene quanto accaduto di scarsa rilevanza e non sente il bisogno di spiegarvi nulla, voi, al contrario, sarete ancora più curiose di scoprire cosa è successo e così vi volterete indietro e perderete di vista la strada davanti a voi.

Le richieste dei bambini

“Mamma, cambi la radio?”, “mamma, apri il finestrino?”, “mamma, accendi l’aria condizionata?”…. Quante richieste ricevete solitamente? Io tante! Così, ogni volta una parte della vostra mente viene presa dalle domande incessanti delle pesti che avete sul sedile posteriore e se non eseguite subito i comandi ricevuti, la situazione può degenerare arrivando ai pianti, alle urla e così via. Subito accenderete pulsanti, girerete levette ma nel farlo, sarete ancora una volta distratte dalla guida.

Oggetti che volano

Vi è mai capitato di avere calci dietro la schiena? Un palloncino preso in qualche fata food che arriva davanti al vostro viso? Un gioco di plastica lanciato sul volante? Anche questi gesti possono essere molto pericolosi per una persona che sta guidando. Dovete quindi stabilire delle regole molto ferree su cosa i bimbi possono tenere durante il viaggio e quello che invece va riposto nel bagagliaio. Alternativa? Una rete come per gli animali!

Fare compiti o altri giochi

Per passare il tempo o per cercare di mantenere calmi i bambini a volte si pensa di poter fare qualche giochetto insieme o alcuni compiti o anche le parole crociate. I bambini, seduti dietro, scrivono e voi partecipate ma attenzione! Mentre pensate alla giusta risposta, il cervello non è al 100% rivolto alla guida!

Mamma guarda!

“Mamma, guarda!…. Maaammmmma! GuAAAAArda!!!!!!! GUARDAAAAAAA!!!!!!!” Voi vi girate e BUM! Tamponamento! E magari dovevate semplicemente guardare uno stupido pupazzetto!

Bimbi che stanno male

Il vostro pargolo ha appena vomitato e piange, la vettura si riempie di un odore nauseabondo, l’altro figlio è in preda al panico per lo schifo che vede e voi in 10 secondi pensate: devo trovare un posto per fermarmi, avrò qualcosa per pulire?, povero piccolo, chissà perché sta male, devo tranquillizzare l’altro, arriveremo tardi!, ho fatto male a farlo mangiare così tanto, che schifo questa puzza!….. Così intanto non pensate alla guida e rischi di incidente aumentano.

Ecco, ho cercato di riassumere i guai e i pericoli più grossi a cui siamo esposte noi mamme quando siamo alla guida con i bambini. Unica cosa che resta quindi da fare è quella di stabilire prima di un viaggio delle regole ben precise e farle capire anche a chi sale in auto con noi perché purtroppo i pericoli e gli incidenti sono sempre in agguato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto