Lo stress delle vacanze: preparare i bagagli e sistemare casa

stressSi avvicinano le vacanze ossia la partenza per un luogo che non sia quello di casa nostra: mare, montagna, collina, viaggi organizzati, viaggi per città e capitali. Tutto sembra fantastico ma vi assicuro che a pensarci bene non lo è affatto! Si pensa ogni anno ad una meta che possa soddisfare le esigenze di tutti i componenti la famiglia: dal marito, all’adolescente inquieto, al più piccolo di casa; al poco tempo che si ha a disposizione e al bilancio familiare che deve essere mantenuto in buona condizione. A fronte di tutto questo, si può ancora parlare di vacanza come periodo di relax? Ne dubito.

MI MERITO LE VACANZE!

Per molti di noi le vacanze sono un periodo tanto atteso e considerato come il giusto premio per un anno di fatiche, di levatacce, di problemi al lavoro. Così, come piccoli bimbi in attesa del Natale, contiamo i giorni che ci separano dalle ferie e pensiamo alle mille cose che ci piacerebbe fare: andare a trovare qualche amico o parente che non vediamo da tanto tempo, ridipingere casa, fare un viaggio all’estero, andare al mare, visitare qualche città mai vista… Il problema vero è che il tempo vola via e non si riuscirà a fare quasi nulla di quello che si voleva.

Se vi sentite rispecchiate in questa descrizione, dovreste domandarvi se non pretendete un po’ troppo da voi stesse. Sono vacanze reali o immaginare? Come vi sentirete al ritorno in ufficio? C’è il rischio che arriviate più stanche di quando siete partite e insoddisfatte per quello che vi spetta. Quindi fate attenzione a non esagerare con i programmi delle vacanze e cercate di essere realiste. Inoltre, per ottenere il massimo beneficio da una pausa lavorativa, dovreste prendervi almeno due giorni iniziali senza fare nulla, in modo da respirare e rilassarvi, prendendo il giusto ritmo per i giorni che vi spettano di vacanza.

UNA VACANZA PER TUTTA LA FAMIGLIA

Se non riuscite a trovare una vacanza ideale che possa accontentare tutti i membri della vostra famiglia, dite loro che la cosa più importante è quella di spezzare la routine quotidiana e di fare cose diverse da quelle abituali. Solo per il fatto di non avere degli impegni e la solita vita frenetica renderà tutti quanti più contenti. Non c’è la necessità di fare delle cose straordinarie quanto di ridurre il normale stress che si ha durante tutto l’anno lavorativo o scolastico.

PREPARARE I BAGAGLI

L’altro giorno alla radio ho sentito che negli Stati Uniti sta prendendo piede una nuova figura professionale che per me è quasi ridicola: il preparatore di bagagli. Sì, per molti fare le valigie è un vero stress al punto che qualcuno paga questo professionisti ben 250 dollari l’ora! Per noi comuni mortali, la solita lista può essere un valido aiuto a rendre più semplice questo delicato compito. Per prima cosa ogni vacanza presenta necessità diverse: chi va in campeggio avrà bisogno di determinati oggetti diversi da chi alloggerà in albergo. Tenete a mente le ultime vacanze fatte e cercate di riscrivere tutto ciò che vi è servito. Fate attenzione: sicuramente avrete portato molte più cose di quelle di cui avevate veramente bisogno. Non ripetete lo stesso errore perché le vacanze devono essere vacanze anche per questo motivo.

Nella preparazione dei bagagli dovrebbe essere coinvolta tutta la famiglia, ovviamente ognuno con un grado di responsabilità diverso a seconda dell’età. Non dovete essere solo voi a pensare a tutto altrimenti partirete già stanche e nervose.  Per i bambini si dovrebbe preparare una lista personale in base alle loro particolari esigenze e poi leggerla insieme per vedere se manca qualcosa. I più grandi provvederanno poi a raccogliere tutto e a riporlo in uno zaino. Inoltre, i fratelli in grado di farlo, dovrebbero pensare a giochi da fare durante il viaggio, documentarsi su dove andrete e quello che di interessante c’è da vedere o fare.

Fatevi aiutare coinvolgendo il più possibile! Sarà un risparmio di energie per voi.

NON LASCIARE NULLA DI NON FATTO

Partire pensando a come la nostra casa è rimasta in disordine o sporca, alle piante che probabilmente moriranno per mancanza di acqua, alla paura di avere la casa derubata e tante altre preoccupazioni, non sarà positivo per rilassarsi e sfruttare al massimo i pochi giorni che si hanno. Prima di partire cerchiamo di sistemare ogni cosa, anche delegando a qualche vicino/parente delle piccole incombenze.

  • Se abbiamo poche piante in casa, possiamo lasciarle ad una vicina ( magari sul pianerottolo) in modo che possa bagnarle di tanto in tanto. Se i vasi sono tanti, meglio cercare soluzioni alternative come bacinelle piene di acqua che si lasceranno sotto le piante o quei tappi che lasciano filtrare lentamente l’acqua da una bottiglia rovesciata. In caso di un terrazzo, assicuriamoci che l’impianto di irrigazione funzioni e che le pile siano cariche.
  • Se abbiamo un antifurto, facciamolo controllare da un esperto prima di partire in modo da stare più tranquille che tutto vada bene. In mancanza, chiediamo a qualche vicino di dare un’occhiata alla casa e soprattutto lasciamo anche un mazzo di chiavi a qualcuno di cui ci si fida per essere sicuri che se succede qualcosa, i vigili possano entrare senza dover sfondare la porta.
  • Se abbiamo degli animali a casa che non possiamo portare con noi, cerchiamo una buona sistemazione: a casa di qualcuno, in una pensione…
  • Pagate ogni bolletta in scadenza in modo da partire senza poi ricordarvi che c’era qualcosa che andava assolutamente fatto!

Ricordatevi che se cercate di non partire pensando che è più uno stress che altro, non siete sulla buona strada e anzi, è proprio il momento in cui dovete andare… una volta salite in auto non ve ne pentirete: spezzare la routine è una vitamina/ricostituente fenomenale per il cervello!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto