L’ansia di andare a scuola: come affrontarla

ritornoCapita spesso che a molti bambini insorga l’ansia di andare a scuola e frequentemente si associano vari disturbi, come mal di testa, mal di pancia o una lieve febbricola, proprio nelle ore precedenti all’orario di ingresso nell’istituto scolastico. Molte volte i bimbi tendono a piangere durante la lezione e vogliono tornare a casa: tutto questo è dovuto ad una  fobia o ansia che  crea  un disagio al piccolo che non va assolutamente sottovalutato. Solitamente questa sofferenza, inizia a manifestarsi già durante i primi anni, quando si incomincia ad andare alla scuola materna e si è costretti a stare a contatto con altre persone.

La stessa cosa può capitare anche durante i primi periodi in cui il bambino frequenta la scuola elementare e apparentemente il problema, almeno nella fase iniziale, non si presenta, forse proprio perché non si rende conto di vivere un’esperienza diversa dalla solita routine: la paura con conseguenti attacchi di panico legati all’ansia; infatti, tende a manifestarsi solo quando ci si abitua alla novità e proprio per questo motivo, possono insorgere questi generi di disturbi. Questa fobia in pratica è considerata ansia di separazione dalla casa e dalla propria madre perché si perdono le proprie sicurezze e protezioni che solitamente si hanno tra le quattro mura domestiche. Con l’andare del tempo, queste paure possono ripercuotersi sul carattere del bimbo che potrà perdere la stima verso se stesso, rischiando di avere difficoltà nelle esperienze future, magari quando potrebbe capitare che dorma fuori casa, da parenti o in campeggio, solo per fare un esempio.

Sicuramente, i problemi legati a questo tipo di fobie sono collegati ad altri fattori che influiscono negativamente sulla psiche di vostro figlio, come un forte rimprovero e la severità di un insegnante, oppure un gruppo di coetanei che lo schernisce.

Nella maggior parte dei casi, comunque, questo tipo di disturbo si risolve tranquillamente nell’arco di poche settimane, quando il piccolo riesce ad accettare la situazione, cioè che si trova a scuola, ed è pertanto sconsigliabile, da parte dei genitori, trasferire il proprio bimbo in un’altra scuola o addirittura lasciarlo a casa, anche perché in questo modo non si farebbe altro che aggravare la situazione.

Il fattore tempo, il saper riconoscere i comportamenti insoliti, l’affetto, il saper ascolare, il dialodo con il proprio figlio, sono senza dubbio le terapie più adatte a risolvere lansia di andare a scuola.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto