I giorni della Merla, fiaba sempre attuale

imagesIl 29, 30 e 31 gennaio sono anche detti i giorni della Merla secondo un’antica favola famosa soprattutto nel Nord Italia. Va però detto che anche in Romagna, in Maremma e in alcune parti della Sardegna questo racconto è molto conosciuto.

Si parla di una merla che con i suoi piccoli fece un nido su un alto albero di Milano. Faceva tanto freddo e i piccoli merli avevano freddo e fame. A quel tempo i merli non erano neri ma bianchi. Così, mamma merla si decise di spostarsi e fare un nuovo nido su un tetto, accanto ad un comignolo che emanava fumo nero. Era la fine di gennaio e la famigliola stava tutta rannicchiata nella nuova casetta mentre papà merlo andava in cerca di cibo. Una volta tornato con le provviste, il povero merlo ebbe una sorpresa: sua moglie e i piccoli erano diventati tutti neri! Infatti, stando così vicini allo scarico del comignolo, il piumaggio da bianco era annerito e da quel giorno i merli sono neri. Ecco anche perché gli ultimi giorni di gennaio sono chiamati i giorni della Merla e sono solitamente molto freddi.

La credenza popolare racconta che se la fine di gennaio è tanto fredda allora ci sarà una bella primavera mentre se fa abbastanza bello, la primavera si farà attendere a lungo. Considerato questo particolare, visto che proprio oggi a Milano ci sono stati i primi fiocchi di neve e la temperatura da qualche giorno è calata considerevolmente, la primavera 2014 dovrebbe essere bellissima!

Questa favola sempre di moda vuole spiegare perché i merli sono neri e anche il motivo che alla fine di gennaio fa tanto freddo come se l’inverno raggiungesse l’apice del freddo per poi iniziare a smorzarsi con l’arrivo di temperature meno rigide.

Alcuni sostengono che i giorni della Merla hanno origine da un fatto avvenuto ai tempi di Giulio Cesare e cioè ai tempi degli antichi Romani. Gennaio era un mese più corto: contava solo 29 giorni. Giulio Cesare ordinò quindi a un astronomo, Merula, sacerdote di Giove, di prendere da febbraio tre giorni e attaccarli al mese di gennaio. Così, questi ultimi tre giorni furono detti di Merula e poi il nome venne storpiato dal popolo poco colto fino a divenire della Merla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto