In forma dopo le feste di Natale: ecco come fare

mamma-in-formaMesso via l’albero, staccate le luci in giardino e tornate in ufficio è ora di girare pagina e dimenticare i pranzi luculliani che ci hanno fatto compagnia in queste feste natalizie: dando una furtiva occhiata al nostro fisico allo specchio, molto probabilmente non lo troveremo propriamente filiforme. E, in effetti, dopo le abbuffate che ci siamo concesse, sarebbe ben difficile…

Non di meno, calendario alla mano, l’estate incombe, con la sua temuta prova costume.
Ma, non facciamoci prendere dall’ansia: tornare a chiudere i nostri amati jeans non sarà una missione impossibile, seguendo alcune semplici regole…

1. Affrontare la bilancia

Può sembrare masochistico, ma è un qualcosa che dobbiamo assolutamente fare: salire sulla pesa persone. Il risultato non potrà che spronarci a metterci d’impegno per perdere chili e tornare al peso forma pre vacanze.

Controlla periodicamente l’andamento dei tuoi sacrifici: ti servirà a motivarti a non lasciarti andare a nuovi eccessi gastronomici; ricorda, inoltre, che gli esperti consigliano di salire sulla bilancia sempre lo stesso giorno della settimana, preferibilmente di mercoledì.

2. Dieta detox

Parola d’ordine depurarsi. Ok, ma con cosa?

  • frutta e, soprattutto, verdura. Più che mai abbraccia le canoniche cinque porzioni giornaliere (con un occhio di riguardo più per le verdure che per la frutta, spesso ricca di zuccheri) che sapranno saziarti, ma anche disintossicarti degli eccessi alimentari natalizi;
  • carne poca e se proprio bianca: scommetto che di scorte di proteine animali ne avrai fatte abbastanza. Per queste prime settimane dell’anno evita i grassi di origine animale e sostituisci i legumi alla carne. Per saziare l’eventuale voglia di carne, punta su quella bianca (pollo, tacchino), cotta senza aggiunta di grassi (ad esempio al vapore);
  • molto bene anche il pesce, rigorosamente cucinato in maniera leggera (al forno, al cartoccio o al vapore);
  • riduci, invece, il consumo di uova (al massimo un paio alla settimana) e di latticini;
  • latte e yogurt, sì, ma con moderazione: una tazza di latte andrà bene come colazione mentre lo yogurt sarà perfetto come smorza fame fra i pasti. A proposito di prima colazione, ricordati di non saltarla!
  • elimina rigorosamente le “schifezze“: dai panettoni ai torroni, dalle tavolette di cioccolato ai pandori, evita assolutamente di consumare i dolci. Ovviamente, meno tentazioni avrai per casa e meno probabilità avrai di cedere!;
  • frutta secca: va bene, ma poca (meno di 50 grammi). Sebbene sia in realtà calorica, è ricca di vitamine e sali minerali e, inoltre, dona quel senso di sazietà che ti fa sedere a tavola meno affamata.

3. Acqua, in abbondanza

Bere grandi quantità di acqua fa sempre bene, soprattutto per chi deve eliminare le tossine dal proprio corpo. Oltre all’acqua minerale, puoi anche contare sull’apporto di liquidi di

  • tisane e tè, particolarmente indicate quelle al carciofo, alla betulla e al tarassaco con proprietà depurative;
  • minestroni di verdure.

Inoltre, evita assolutamente vino, bevande gassate e alcolici.

bilancia4. Digiuno? No, grazie

Se hai pensato di partire in quarta la dieta post vacanze con un bel digiuno, lascia perdere. I nutrizionisti sono concordi nel ritenere questa soluzione assolutamente controindicata: meglio adottare un regime alimentare sano ed equilibrato per contrastare gli stravizi alimentari natalizi.

5. Piatti piccoli e porzioni ridotte

Anche a tavola, l’occhio vuole la sua parte. E allora, con un po’ di furbizia, concedigliela: usa piatti di dimensioni inferiori al solito e riempili per circa ¾ della superficie. Psicologicamente, la vista del piatto pieno fa’ sicuramente bene al nostro cervello che pensa di mangiare come al solito, anche se in realtà starai consumando molto meno cibo.

6. Pranzi fuori casa? Meglio di no

Se, per lavoro, non riesci a rientrare a casa a mangiare, limita il numero di pasti al ristorante o alla tavola calda. Le politiche dei locali, in genere, non sono propriamente indicate a chi è a dieta: spesso, nei pranzi di lavoro, la frutta non è compresa nel menù fisso e resistere alla tentazione di un invitante tiramisù a conclusione del pasto è davvero difficile. Tuttavia, se proprio devi sederti in un locale a mangiare, tieni fermi i tuoi propositi, ordinando zuppe, insalatone e acqua naturale.

Meglio se, invece, hai la possibilità di consumare una schiscetta pronta da casa, cucinata con le dovute attenzioni: pesce cotto a vapore, insalata detox o panino vegetariano andranno benissimo.

cyclette7. Tanto, tanto, tanto movimento

Come i pilastri del vivere sano ci insegnano, un’alimentazione equilibrata da sola non basta a farci perdere peso. La combinazione vincente è quella che unisce un sano regime alimentare con il movimento fisico.

Partire da zero può non essere semplice, ma, come dice il saggio, volere è potere: incomincia con

  • salire le scale a piedi e dire addio all’ascensore;
  • usare la bicicletta per i piccoli spostamenti;
  • parcheggiare l’auto un po’ lontano dalla tua meta (ufficio, supermercato) e approfittane per fare quattro passi;
  • fare una passeggiata a ritmo sostenuto nel weekend.

E, vedrai: da cosa nasce cosa. Più ti muovi e più apprezzerai il benessere che l’attività fisica sprigiona: anche senza prendere l’impegno della palestra, nei prossimi mesi l’allenamento diventerà quasi indispensabile. La bicicletta sarà un’alleata per spostamenti sempre più lunghi, la camminata procederà con un passo più incalzante fino a che, chissà, non potrai incominciare con leggere sessioni di corsa…

8. Esercizi ginnici in casa

Insieme al movimento, inizia a effettuare dei piccoli esercizi fisici molto semplici ogni giorno: dagli affondi agli addominali, dai salti sul posto a quelli con la corda, ci sono decine di esercizi semplici e alla portata di tutte che permettono di raggiungere prima la forma agognata.

9. Ore dei pasti regolari e riposo notturno di almeno 7 ore

Se nei giorni di festa sgarrare la regola è una prassi, ora non più. Imponi un time table da seguire e ristabilisci una certa regolarità alle tue funzioni primarie (dormire e mangiare, in primis).

Da una parte consumare i pasti alle stesse ore ti permetterà di gestire meglio la fame, mentre, dall’altra, coricarti di buon ora la sera ti garantirà una bella dormita rigenerante.
Se sarai sufficientemente riposata, affronterai con più serenità le difficoltà, comprese quelle legate alle privazioni culinarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto