Figlio preferito? Per il 70% dei genitori c’è

figlio preferitoDa piccoli tutti quanti noi ci siamo sentiti in qualche modo minacciati dalla presenza dei fratellini e delle sorelline, “ladri” delle attenzioni e dell’affetto dei nostri genitori. Quante volte abbiamo pensato che avessero un figlio preferito (ovviamente non noi) e che gliele lasciassero passare tutte? Bene, ora che ci troviamo dall’altra parte della barricata potremmo dire, esperienze e dati alla mano, che forse avevamo ragione.

1 genitore su 3 ha un figlio preferito

Secondo quanto recentemente confermato dallo studio trasversale condotto da Katherine Conger dell’Università della California, Davis, che ha studiato più di 380 coppie di fratelli adolescenti (con al massimo 4 anni di differenza) e le loro relazioni con i genitori, mamma e papà hanno un figlio prediletto. In particolare, il 70% dei papà e il 74% delle mamme ha ammesso di avere un comportamento differente verso uno dei propri figli, senza precisare quale.

In generale, il primogenito è quello ad essere trattato diversamente: su di lui ricadono tutte le aspettative e le attese dei genitori, quindi da una parte è sì il preferito di mamma e papà, ma dall’altra ha tutti i riflettori accesi su di lui.
Questo lo fa etichettare come “cocco” dei genitori agli occhi degli altri figli che, invece, non riescono a sfruttare al meglio la loro posizione “arretrata” che gli permetterebbe di muoversi con maggiore agilità nelle scelte e nei comportamenti.
Diversamente, invece, tendono a vivere con disagio questa situazione di non essere il figlio preferito, minando la propria autostima.

L’idea di non essere il figlio che mamma e papà preferiscono porta i secondogeniti a vivere in maniera conflittuale la loro relazione con i fratelli maggiori e non raramente fa sorgere dei problemi comportamentali.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto