I disegni dei bambini

disegniI disegni dei nostri figli sono una fonte importante per capire eventuali disagi. Spesso li riteniamo solo degli scarabocchi, a volte carini tanto che finiscono appesi sul frigorifero di casa nostra. Eppure, gli esperti ci insegnano che da essi possiamo capire lo stato d’animo di nostro figlio, se è felice o ha qualcosa che lo turba.

La forma del tratto, la dimensione dei soggetti, i colori usati, lo stesso soggetto rappresentato sono indici del suo benessere o malessere. Se, per esempio, prevalgono colori cupi come il nero o il viola là dove dovrebbero o potrebbero essere usati colori più brillanti, oppure disegna quasi esclusivamente mostri e scene violente, potrebbe significare che sta vivendo un periodo di incertezza, paura e solitudine.

Se prevalgono scene naturali come prati fioriti, animali, paesaggi e i colori sono luminosi, il bambino sta attraversando un momento di stabilità emotiva, senza complicazioni.

Anche le dimensioni delle figure umane possono essere dei segnali da interpretare. Se il bambino si disegna molto piccolo in confronto al proprio papà o fratello vuol dire che vive questo rapporto in maniera conflittuale, sentendosi non adatto al ruolo. Magari c’è tensione verso il fratello o un certo timore nel sentirsi inadeguato perché più “incapace”. In tal caso dovremmo consolarlo e fargli capire le sue potenzialità, ridandogli fiducia nelle sue capacità.

L’esercizio

Fai disegnare a tuo figlio la famiglia o il gruppo di amici che frequenta a scuola o all’asilo. Attenzione! Cerca di non fargli sentire questa richiesta come un compito perché potrebbe farlo controvoglia. Devi mettere tutto su un piano giocoso e quindi, potresti iniziare a disegnare anche tu la stessa cosa su un altro foglio.

Se alla fine il tuo bambino avrà disegnato se stesso all’interno del gruppo vorrà dire che si sente ben integrato in esso e questo è sicuramente un aspetto positivo. Se non si disegnasse, potrebbe voler dire che si sente in qualche misura “escluso” dal gruppo e comunque non ben inserito.

Inoltre, se si disegna con proporzioni simili ai suoi amici, né più grande né più piccolo, vuol significare che non ha particolari sensi di inferiorità ma vive bene la sua condizione di bambino. Se dovessi notare delle sproporzioni, cerca di chiedergli in modo molto naturale perché si è disegnato così piccolo o grande cercando di capire le sue eventuali difficoltà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto