Dal concepimento alla nascita: crescere insieme

concepimento-nascitaConoscete mamme la ruota della gravidanza che di solito si può avere dal proprio ginecologo una volta che il test di gravidanza ha confermato che siete in dolce attesa? Ebbene, questo semplice oggetto ci dà tante informazioni che si stenta quasi a crederci.

Per prima cosa, girando uno dei diversi cerchi, di può calcolare la settimana e addirittura il giorno della nostra gravidanza. Basta ricordare il primo giorno dell’ultima mestruazione avuta.

Per esempio: il 3 febbraio. Posiziono il cerchio sulla tacca del tre febbraio e da lì, ogni sette giorni (sette tacche) è passata una settimana. Immaginiamo quindi che sono passati 72 giorni. 72 diviso sette fa 10 settimane e due giorni. Ora sarà il 16 aprile. Infatti il 3 febbraio è il primo giorno dell’ultimo mestruo.

  • 3 + 7 fa 10 febbraio,
  • 10 + 7 fa 17,
  • 17 + 7 fa 24,
  • 24 + 7 fa 3 marzo (considerando febbraio di 28 giorni),
  • 3 + 7 fa 10,
  • 10 + 7 fa 17,
  • 17 + 7 fa 24,
  • 24 + 7 fa 31 marzo,
  • 7 aprile è la nona settimana,
  • 14 è la decima (e sono passati 70 giorni),
  • più due giorni per arrivare a 72 si arriva al 16 aprile.

40settimaneRicordatevi che una gravidanza normale è fatta di 40 settimane.

  • Fino alla decima settimana sono consigliati i primi classici esami e la prima visita.
  • Tra la decima e la 17esima una eventuale diagnosi prenatale.
  • L’ecografia morfologica va fatta tra la 17 e la 22esima settimana.
  • Dalla 23 alla 31esima settimana meglio decidere dove far nascere il bambino e seguire il corso pre-parto della struttura scelta.
  • Dalla 32esima alla metà della 36esima si può scegliere quando astenersi dal lavoro. Dopo la 36esima è obbligatorio.
  • Gli esami pre-parto vanno dalla 36esima alla 39.
  • Il parto potrà avvenire fino alla 42esima settimana altrimenti ve lo indurranno.

Certo è che se si tratta di un cesareo, può avvenire anche prima e comunque, dopo la 36esima settimana non ci sono più problemi.

testgravidanzaCalcolo attraverso i mesi

Ovviamente, la nascita di un bimbo non si calcola solo attraverso le settimane ma anche i mesi che sono nove. Di conseguenza, il primo trimestre è considerato quello che va dal primo mese (che inizia sempre dall’ultima mestruazione) alla fine del terzo. E così via.

Il trimestre migliore è quasi sempre quello di mezzo e cioè il secondo in quanto nel primo si possono avvertire con più fastidio i classici disturbi: nausee mattutine, stanchezza, difficoltà a digerire, nervosismo, seni gonfi e doloranti, bocca cattiva, avversione per alcuni cibi.

Il terzo trimestre invece è caratterizzato da difficoltà a dormire sia per la pancia grossa ma anche per l’ansia che aumenta considerando che l’idea del parto sta per diventare realtà. Il peso rende le gambe gonfie, crea mal di schiena. I bruciori di stomaco aumentano perché la pancia schiaccia lo stomaco e così ci possono essere i fastidiosissimi rigurgiti gastrici.

Primo trimestre:

Bellezza:

il seno aumenta subito di volume, sana l’abitudine di tonificarlo con brevi docce fredde e nutrirlo con creme emollienti. Gli ormoni della gravidanza cambiano in meglio il contorno del viso, gli occhi e i capelli.

Consigli pratici:

  • contro la nausea, fare spuntini con cibi semplici, non troppo salti né liquidi;
  • assecondare il bisogno di sonno ogni volta che se ne sente la necessità.

Acquisti utili:

  • un reggiseno comodo e con spalline larghe;
  • oli e creme a base di principi vegetali e vitamine per seno, gambe e addome;
  • una buona crema protettiva per il viso.

Secondo trimestre:

Bellezza:

serenità e intima gioia danno carica e voglia di fare. E’ bene dedicare almeno mezz’ora alla cura di sé. Ginnastica, nuoto e passeggiate all’aria aperta attivano soprattutto la circolazione delle gambe.

Consigli pratici:

  • periodo favorevole per eventuali viaggi, per sistemare la casa, pensare alla cameretta del nascituro;
  • soddisfare gli attacchi di fame senza esagerare, meglio se con verdura e frutta fresca.

 

Acquisti utili:

  • eventuale guaina;
  • calze riposanti;
  • gel defaticanti per le gambe;
  • cambiamento comodo che tenga conto del rapido cambiamento del corpo.

Terzo trimestre:

Bellezza:

un periodo impegnativo. E’ bene prendersi il tempo per un giusto relax. Fare maschere idratanti e tonificanti, ascoltare la musica preferita, leggere dei buoni libri, ruotare il bacino in avanti stringendo le natiche per alleviare il mal di schiena.

Consigli pratici:

Acquisti utili:

  • scarpe basse e comode;
  • l’occorrente del vostro beauty;
  • reggiseno da allattamento;
  • il corredino essenziale richiesto dall’ospedale per il bambino;
  • carrozzina e lettino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto