Come fare la spesa con i bambini

spesa-con-bambiniSicuramente non sempre è facile andare al supermercato quando siamo costretti a portare con noi i nostri figli, soprattutto quelli dai tre anni fino ai sette. Tutto ciò è difficile perché spesso ci chiedono di comprare un giochino o delle caramelle o qualcosa che a loro piace. Non è giusto accontentarli ogni volta perché perdono il piacere della ricompensa, della sorpresa. In questo articolo andremo a vedere come fare la spesa con i bambini nel modo meno faticoso possibile.

Pensate se vostro marito tutti i giorni tornasse a casa con un mazzo di rose…

Come primo pensiero che vi verrebbe in mente, credo che mettereste in dubbio la sua fedeltà: forse mi sta tradendo e vuole ammortizzare i suoi sensi di colpa!
Ma se la cosa dovesse continuare, pensereste che magari ha preso una botta in testa e non ragiona più ma in tutti i casi, non avreste più alcuna gioia nel ricevere i fiori perché entrerebbero nella routine quotidiana e magari finirebbero abbandonati in un vaso senza acqua.

Allora vediamo come fare la spesa con i bambini

Così è per il bambino che, se abituato ad avere sempre tutto, si stuferà sempre con più velocità dei nuovi giochi e il circolo vizioso del pretenderne altri non finirà mai.
Meglio quindi mettere in chiaro da subito quali sono le regole prima di entrare nel negozio.

Oggi la mamma non ti comprerà nulla e quindi non chiedere alcun gioco o caramella perché l’ultima volta lo abbiamo fatto e non possiamo farlo sempre.

Sicuramente, una volta entrati, vi chiederà lo stesso qualcosa ma restate calme e con un tono della voce sicuro ma non alterato, ripetetegli quello che avevate detto prima di entrare. I bambini amano le regole chiare e ben precise, sono più pronti ad accettarle se tutto viene chiarito prima.

Altro modo per rendere la spesa un momento più piacevole è quello di far collaborare il bimbo nel compito di scegliere i prodotti. Ovviamente in base all’età potrete pretendere cose sempre più complesse come cercare un tipo di formaggio o pesare la frutta che avete scelto o segnare sulla lista le cose già comprate o far semplicemente sentire il profumo di un cibo o farglielo mettere nel carrello.

La noia è nemica della tranquillità.

  • Se un bambino si sta annoiando perché non ha nulla da fare, inizierà più facilmente a chiedervi e pretendere cose che non potete concedergli e tutto si complicherà. Coinvolgerlo in un compito “da adulti” lo gratificherà parecchio e lo aiuterà a distogliersi dai suoi capricci.
  • Tenete quindi a mente anche il fatto che non dovete pretendere di passare due ore all’interno del supermercato ma al massimo un’oretta o anche meno. Per far questo meglio organizzarsi con una lista della spesa in modo da non perdere molto tempo nella scelta dei prodotti.
  • Altro consiglio sicuramente da seguire è quello di scegliere il momento migliore per il vostro piccolo e cioè non quando è già stanco, verso la fine della giornata, né se è appena uscito da scuola perché magari avrebbe preferito andare al parco a giocare con gli amici e scatenarsi un po’ dopo tante ore passate dietro ad un banco.

Seguendo queste poche ma chiare regole forse il momento della spesa diventerà un momento meno faticoso e magari anche più divertente da condividere con i vostri figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto