Come aumentare autostima nei bambini

autostima-bambiniGià dai primi anni di vita, i bambini iniziano a farsi un’idea di come sono, iniziano a conoscere se stessi e a crearsi una propria identità, basandosi soprattutto sull’esempio di chi hanno intorno e sull’atteggiamento degli adulti nei loro confronti. Proprio per questo è importante che i grandi offrano il loro aiuto per aumentare la loro autostima, imparare ad apprezzarsi e a prendere consapevolezza dei propri limiti, in modo che non vengano condizionati durante la loro vita. Abbiamo parlato in un precedente post su come aiutare i figli ad essere più sicuri di sé. Vediamo ora altri modi per renderli più fiduciosi e come aumentare autostima nei bambini.

Esistono tre tipi di immagine di sé, che spesso fanno difficoltà a combaciare, creando dei disturbi di autostima che vanno contrastati. Stiamo parlando di immagine reale, immagine imperativa (quello che si crede di dover essere) e immagine ideale (quello che si vorrebbe essere). Più il bambino è in grado di farle coincidere, con il grande aiuto e supporto degli adulti, più riuscirà a trovare un equilibrio. L’autostima del bambino è molto influenzata dai luoghi e dalle persone con cui trascorre la maggior parte del suo tempo, per questo motivo la famiglia e la scuola diventano basi estremamente importanti per la sua educazione.

Come aumentare autostima nei bambini?

È essenziale che i genitori si rendano conto di essere uno specchio per i propri figli e che sappiano spingerli a sviluppare i loro talenti, ad acquisire competenze e a cimentarsi in tante attività senza mai far mancare la più totale fiducia e la protezione da aspettative troppo alte e poco realistiche che potrebbero compromettere la loro autostima.
I bambini vanno seguiti e mai criticati. Se non sono particolarmente portati in qualcosa è bene aiutarli a cambiare strada e a trovare quella che meglio si addice alle loro caratteristiche e al loro talento, senza mai lasciarsi andare a giudizi o ad etichette che li porterebbero solo a convincersi di essere incapaci di fare qualcosa, senza spronarli nel riconoscere i propri limiti e le proprie possibilità. Oltre alle etichette, anche i paragoni danneggiano fortemente l’autostima di un bambino. È bene che i nostri figli abbiano buone amicizie, rapporti stimolanti e nessun complesso di inferiorità nei confronti dei coetanei. Complessi che, generalmente, scattano dal momento in cui i genitori tendono a paragonarli ad altri bambini o a sottolineare le caratteristiche migliori di altri, sottovalutando quelle dei propri figli.
I bambini hanno bisogno di responsabilità, per questo è importante assegnare loro dei compiti, in modo da accrescere la loro autostima, farli sentire utili e orgogliosi perché stanno aiutando gli adulti in qualcosa o stanno svolgendo attività che si addicono alla loro personalità.
L’autostima è il fondamento più importante su cui ognuno costruisce il proprio benessere e la propria esistenza, per tale motivo è essenziale che i genitori siano una guida in questo lungo percorso di acquisizione del sé.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto