Carnevali famosi in Italia

carnevale1Molte di noi hanno già concesso ai loro piccoli di travestirsi e truccarsi, altre, prese da un milione di cose da fare, daranno il “la” ai festeggiamenti fra lunedì e martedì prossimo.

Il 16 e il 17 febbraio, in occasione del Carnevale, le scuole saranno chiuse e, se abbiamo la fortuna di poter prendere qualche giorno di ferie, perché non allunghiamo il weekend e organizziamo una gita alla scoperta dei Carnevali più belli e caratteristici del nostro Paese?

L’occasione sarà ghiotta non solo per concederci qualche ora di svago e assaporare leccornie tradizionali, ma anche per vivere la festa più colorata dell’anno in maniera insolita dal tradizionale Carnevale in paese.

  1. Carnevale di Venezia

Partiamo il nostro speciale giro d’Italia dalla patria del Carnevale, Venezia. Non credo ci siano dubbi che sia il Carnevale più famoso del Bel Paese e anche uno dei più conosciuto al mondo. La tradizione qui risale su nel tempo tanto che, secondo alcuni documenti, già attorno all’anno Mille ci fossero i festeggiamenti.

Ai giorni nostri, l’eleganza e la ricercatezza delle maschere veneziane sono un tratto distintivo del Carnevale che nella celeberrima Piazza San Marco trova il suo palcoscenico naturale; all’Arsenale si tiene il Carnevale internazionale dei bambini, con attività e laboratori gratuiti. E, in serata, “Notti all’Arsenale”, con tanto di fuochi d’artificio in programma, danno ancora tanto intrattenimento a chi sceglie Venezia come meta per Carnevale.

  1. Carnevale di Ivrea

Altro Carnevale molto amato nel Nord Italia è quello a Ivrea, noto a tutte noi per la storica battaglia delle arance, rievocazione dell’atto di ribellione di una giovane mugnaia nei confronti dello jus primae noctis che il signore di Ivrea esercitava sulle fresche spose: a bordo dei carri c’è il corteo del feudatario che combatte contro gli attacchi del popolo, rappresentato dai figuranti a terra.

Oltre a quest’appuntamento (che si tiene domenica 15, lunedì 16, martedì 17 nel pomeriggio), tutto il Carnevale di Ivrea si caratterizza per un marcato connotato storico, come la marcia in costume per la città o il corteo per l’abbruciamento degli Scarli delle Parrocchie di San Maurizio, Sant’Ulderico e San Lorenzo.

  1. Il Carnevale di Viareggio

carnevaleViareggio4Quante volte, guardando il telegiornale, abbiamo rimirato a bocca aperta i giganteschi carri che sfilano per le strade della città toscana? Scommetto tantissime; dunque, perché non assistere dal vivo al passaggio della faccia gigantesca dei politici in uno spettacolo che fa della satira il suo punto di forza?

La prima sfilata c’è stata domenica 1° febbraio, le prossime sono per domenica 15, 22 e 28 febbraio; un po’ di tempo per organizzarci c’è ancora e, se vogliamo il massimo, non saltiamo l’appuntamento del 28 con i fuochi d’artificio in conclusione della grande festa.

  1. Carnevale di Cento

carnevale2Domenica 15 e 22, ma anche domenica 1° marzo dalle parti di Ferrara, la parola d’ordine sarà il Carnevale di Cento, storico evento le cui origini vengono fatte risale al Seicento.

Molto popolare, sia grazie al gemellaggio con il Carnevale più famoso del mondo, quello di Rio de Janeiro, che alla presenza di vip nazionali e internazionali.

Se puntate su Cento, ricordatevi di portare anche una borsa dove riporre i peluches che riuscirete a cogliere al volo dai carri: il lancio di pupazzi e gonfiabili è una tradizione molto amata qui.

  1. Il Carnevale di Ascoli

Per San Valentino concedetevi qualcosa di diverso, una giornata dove, anziché cuoricini e carinerie, ci siano tanti coriandoli, ma anche cosplay.

Organizzate un giro ad Ascoli e sarete accontentate: qui il 14 febbraio si tiene il tradizionale e sempre molto atteso raduno internazionale dei cosplay (l’arte giapponese del travestirsi come i propri adorati personaggi del mondo dei cartoni, degli anime o dei videogames), mentre nel pomeriggio della domenica e del martedì  c’è il tradizionale Carnevale in piazza del Popolo, che per l’occasione viene abbellita con lampadari in stile liberty e di fine secolo, trasformando la piazza in una grandissima sala da ballo.

  1. Carnevale di Putignano

Carnevale putignano3In Puglia non teme rivali, ma è molto famoso in tutto lo Stivale, complice anche la sua veneranda età (621sima edizione nel 2015).

Gli ultimi due appuntamenti per vedere i bellissimi carri realizzati, quest’anno ispirati al tema dei sette vizi capitali, saranno domenica 15 e martedì 17.

Oltre a guardare i carri e a tenere il naso all’insù, a Putignano c’è molto altro da fare: angoli di lettura per bambini, degustazioni di prodotti tipici, raduni di Harley Davidson e spettacoli di burattini intratterranno la folla fino alle 21 del Martedì Grasso quando ci sarà, per le vie cittadine, il funerale del Carnevale.

  1. Il Carnevale di Acireale

La fama del Carnevale più famoso di Sicilia lo si deve al talento con cui vengono realizzati i carri: le luci e le lampadine installate sui carri, ma anche l’abilità di saper realizzare le figure mettendo vicini i fiori (carri infiorati) sono un qualcosa che rendono davvero unico il Carnevale nella città in provincia di Catania: dunque, il consiglio è di mettere in programma prima o poi un viaggio da queste parti.

Accanto a questi gioielli di arte creativa, non mancano i carri allegorici così come parate di majorettes e sbandieratori.

  1. Carnevale di Mamoiada

Se siete in Sardegna, impossibile resistere alla tentazione di fare un salto a Mamoiada, nel cuore della Barbagia.

Qui i protagonisti non sono ne’ carri e neppure corpi di ballo, ma i 12 Mamuthones, vestiti di pelli d’ovino, con campanacci del peso di 30 kg sulle spalle e una maschera dall’espressione sofferente in legno d’ontano, e gli 8 Issohadores, con giubba rossa, scialle femminile e sonagli di ottone sulle spalle, che indossano una maschera bianca.

Sfilano la domenica 15 e il Martedì Grasso, richiamando migliaia e migliaia fra turisti e curiosi per questo evento chiave del folklore sardo.

Paese che vai, usanza che trovi e, per Carnevale, questo detto è più vero che mai: accanto a questi grandi nomi del Carnevale italiano, ogni regione, città e paese ha le sue caratteristiche e le sue tradizioni, talvolta celebrate dalle Istituzioni con parate e sfilate, altre volte semplicemente tramandate dalla viva voce degli anziani. E il bello di queste feste è cogliere la palla al balzo non solo per divertirsi, ma anche per misurarsi con il ricco passato della nostra terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto