Come affrontare l’esame di terza media

esame-terza-mediaTempo di vacanze ormai vicine, tempo di esami! Ed eccomi qui in versione di profstyle per dare qualche dritta ai ragazzini che si apprestano a affrontare gli esame di terza media che sono i primi veri esami della scuola da quando sono stati aboliti quelli di quinta elementare.

Mi ricordo che quando affrontai l’esame di quinta, ascoltando le maestre che interrogavano alcuni miei compagni, mi decisi di anticipare il giorno dell’interrogazione perché le domande mi sembravano talmente scontate e facili che non valeva la pena aspettare… Così chiesi se potevo essere interrogata il giorno stesso e l’esame andò bene.

Non sono mai stata una temeraria, né tanto meno una studentessa che sa vendersi bene se non ha una preparazione più che adeguata e questo, sicuramente, per la scarsa autostima che ho sempre avuto nei miei confronti. Quel giorno decisi così perché la mia adorata maestra mi aveva fatto passare 5 anni di spensieratezza, dove lo studio e l’apprendimento avvenivano in un ambiente sereno, lontano dall’ansia e dalla competizione.

Ben diverso il giorno dell’esame di terza media. Ero quasi paralizzata dalla paura e sicuramente, anche se preparata, ho dimostrato di sapere meno di quanto in realtà non fosse e tutto questo a causa di un ambiente severo, grigio, triste con insegnanti di vecchio stampo.

Da lì sono cambiata e ogni esame, anche se piccolo, l’ho sempre vissuto come una prova, una sfida il cui verdetto pesava come un macigno.

Così, ora, vedendo i ragazzi all’apparenza tranquilli, mi sembra strano ma, dal tremito della voce, dal pallore o rossore del loro volto, capisco che la loro serenità è solo apparente.

Quando meno te lo aspetti si mettono a piangere per un nonnulla dimostrando tutta la loro fragilità

Quindi, ecco pochi consigli che mi viene da dare soprattutto a coloro che si sono svegliati un po’ tardi con lo studio e ora si sentono impreparati e senza tempo per recuperare in procinto dell’esame di terza media.

1) Concentrarsi solo sulle prove scritte e decidere prima dell’esame che tipologia scegliere a seconda della prova scritta da affrontare.

 

Per italiano si hanno 3 tracce:

  • diario/lettera che danno la possibilità di trattare argomenti in modo più personale anche se è necessario conoscere come di solito viene strutturata la lettera o il diario;
  • tema argomentativo su un argomento e qui ricordatevi di esporre la vostra idea, di argomentarla, di smontare tutte le possibili obiezioni che potrebbero farvi altri che non la pensano come noi e quindi di concludere ribadendo come la vostra posizione sia quella più corretta e logica;
  • tema su un argomento di attualità: fate una scaletta e ricordate di iniziare con una introduzione e chiudere non frettolosamente ma con una bella conclusione.

Importante: scrivete BENE. Chi corregge è ben disposto se deve leggere un testo ordinato e comprensibile.

 

Esame di terza media: matematica:

  • esercitatevi con una batteria di prove che trovate online in modo da poter prendere più confidenza con la tipologia degli esercizi per l’esame di terza media, che sono:
  • problemi di geometria solida;
  • algebra;
  • scienze, tecnologia o fisica (in tal caso considerate gli argomenti che avete maggiormente trattato);
  • probabilmente esercizi sul calcolo delle probabilità.

Importante: ripassatevi bene le formule di aree, dei volumi.

 

Per le lingue straniere ci sono tre ore a disposizione invece che 4 come per le precedenti.

L’insegnante per l’esame di terza media sceglie due tra queste 4 prove e tu dovrai scegliere quella che credi di poter padroneggiare meglio e cioè:

  • scrivere una lettera (ricorda di mettere l’intestatario, l’incipit e il saluto finale)
  • fare un riassunto (dopo aver letto il brano, fallo in italiano e quindi traducilo)
  • una comprensione (rileggi più volte il testo e cerca dentro al brano la risposta)
  • un dialogo (attento alla posizione delle parole nelle domande e nelle risposte)

 

Per le prove INVALSI:

  • non abbiate fretta a finirle;
  • rileggete anche la domanda che vi sembra facile;
  • esercitatevi con le prove invalsi date negli esami precedenti e che trovate online;
  • lasciate da parte le risposte di cui non siete certi e poi ritornateci sopra una volta completata la prova;
  • date sempre una risposta perché se non la date, avrete comunque sbagliato mentre dandola avete almeno una possibilità di indovinarla;
  • ricordatevi che spesso la risposta è dentro la stessa domanda e che tra le risposte possibili due sono assolutamente false, le altre si assomigliano ma una sola è quella giusta.

 

2) L’esame di terza media l’orale ovviamente è più complicato in quanto se avete studiato veramente poco, sarà difficile recuperare in poco tempo.

  • Se non avete la possibilità di portare una tesina, preparatevi per ogni disciplina un argomento che sapete bene e legatelo ad un altro che appartiene ad un’altra disciplina.
  • Se per mettervi a vostro agio vi fanno partire da dove volete, iniziate voi dal vostro argomento
  • Se state andando male perché state facendo scena muta, probabilmente vi diranno: c’è qualcosa di cui vuoi parlare? Allora con scioltezza e sicurezza iniziate dal vostro argomento e cercate di mantenere voi la conversazione spostandovi ancor prima che vi possano interrompere su un’altra disciplina facendo un rapido collegamento.

 

Da ultimo vi racconto un fatto realmente accaduto e che non è una barzelletta:

Cosa hai portato per Musica?

Vivaldi.

Oh, bene…. allora? Cosa vuoi dirci?

Silenzio….

Ti ricordi un brano importante di questo musicista?

Silenzio….

4?……

Silenzio…..

Hanno fatto anche una famosa pizza…..

Ah, ricordo! I 4 formaggi!

 

Vabbè, se ce l’ha fatta lui ce la farete anche voi!

In bocca al lupo!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto